Nel 1859 viene scoperto a Titusville (Pennsylvania) il primo pozzo petrolifero redditizio del mondo

Nel 1859 viene scoperto il primo pozzo petrolifero redditizio del mondo

 

Nel 1859 viene scoperto a Titusville (Pennsylvania) il primo pozzo petrolifero redditizio del mondo

Il 27 agosto 1859 gli industriali americani George R. Bissell e Jonathan Greenleaf Eveleth, fondatori della Pennsylvania Rock Oil Company (in seguito Seneca Oil Company) e della perforatrice americana (colonnello) Edwin Laurentine Drake, forano il primo pozzo petrolifero di successo a Titusville, in Pennsylvania, dando inizio all’industria petrolifera americana.

Negli anni ’50 del secolo scorso il mercato dei combustibili liquidi per la produzione di luce era dominato dal carbone e da una fornitura sempre più inadeguata di olio di balena. Tuttavia, George Bissell, un avvocato di New York, e il suo socio Jonathan Greenleaf Eveleth ebbero un’idea rivoluzionaria. Pensavano che esistesse una possibilità del greggio “olio di roccia” (ora petrolio) che era stato utilizzato nella Pennsylvania occidentale come sostanza illuminante.

All’epoca, l’olio di roccia non era altro che un puzzolente unguento per i benestanti della regione, con limitate proprietà medicinali. Eppure Bissell e Eveleth, dopo aver capito quanto fosse infiammabile il liquido, credevano che ci fossero possibilità di grandi introiti da ricavare dalla produzione di olio di roccia, commercializzandolo come combustibile per lampade e così via. Ma avevano bisogno di qualcuno – uno scienziato importante e rispettato, il cui nome potesse essere attribuito alla loro impresa finanziaria, e che fosse in grado di fare ricerce sul materiale per scoprire se potesse essere usato o meno in questo modo.

Le potenzialità dell’olio di roccia scoperte da Benjamin Silliman Jr.

Il contributo principale di Benjamin Silliman Jr. (professore all’Università di Yale)  al mondo chimico e certamente al mondo nel suo complesso, riguardava la distillazione frazionata del petrolio, analizzata principalmente riguardo le sue qualità di illuminazione. Gli venne chiesto di farlo in quanto considerato uno dei chimici più importanti del suo tempo.

Il rapporto [1855] di Silliman sull’argomento in seguito ha avuto influenze di vasta portata. L’idea estremamente importante del suo rapporto fu che il petrolio distillato bruciava molto più di qualsiasi combustibile sul mercato, eccetto quelli che erano molto più costosi e meno efficienti. La sua conclusione fu che il petrolio era “una materia prima da cui … si può fabbricare un prodotto molto prezioso”. Silliman notò che questo materiale era in grado di sopravvivere a una vasta gamma di temperature ed era possibile venisse usato come lubrificante.

L’influenza di questi pozzi petroliferi e il rapporto di Benjamin Silliman Jr. che confermava l’uso del petrolio come sostanza illuminante erano enormi. Quasi ugualmente importante nell’idea di Bissell e la scoperta di Silliman è stata l’uso di olio di roccia per la lubrificazione delle molte parti mobili nell’era meccanica che stava arrivando.

0 comments on “Nel 1859 viene scoperto il primo pozzo petrolifero redditizio del mondoAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.