“Nel futuro ognuno sarà famoso per quindici minuti.” Andy Warhol

POPolare come Andy Warhol

 

Nel futuro ognuno sarà famoso
per quindici minuti.

Andy Warhol

Nasceva oggi nel 1928 a Pittsburgh (Pennsylvania) Andy Warhol.
Famoso pittore è stato anche scultore e ha sostenuto e sperimentato anche cinema e musica producendo alcuni lungometraggi, film cimentandosi come regista, direttore della fotografia, attore, sceneggiatore, montatore e sostenendo alcuni gruppi musicali, tra cui i Velvet Underground.
È stato la figura predominante del movimento della Pop Art e tra gli artisti più influenti del XX secolo.

La sua attività artistica conta tantissime opere, che produceva in serie con l’ausilio dell’impianto serigrafico. Le sue opere ritraevano icone della cultura popolare e sono diventate a loro volta delle icone.
La ripetizione era il suo metodo di successo: su grosse tele riproduceva moltissime volte la stessa immagine alterandone i colori (prevalentemente vivaci e forti). Prendendo immagini pubblicitarie di grandi marchi commerciali (famose le sue bottiglie di Coca Cola) o immagini d’impatto come incidenti stradali o sedie elettriche, riusciva a svuotare di ogni significato le immagini che rappresentava proprio con la ripetizione dell’immagine stessa su vasta scala.

La sua arte, che portava gli scaffali di un supermercato all’interno di un museo o di una mostra d’arte, era una provocazione nemmeno troppo velata: secondo uno dei più grandi esponenti della Pop Art l’arte doveva essere “consumata” come un qualsiasi altro prodotto commerciale.
Ha spesso ribadito che i prodotti di massa rappresentano la democrazia sociale e come tali devono essere riconosciuti: anche il più povero può bere la stessa Coca-Cola che beve Jimmy Carter o Liz Taylor.

Successivamente rivisitò anche le grandi opere del passato, come L’ultima cena di Leonardo da Vinci o capolavori di Paolo Uccello e Piero della Francesca: anche in questo caso cercò di rendere omaggio a delle opere d’arte al posto dei mass media che in alcuni casi cercarono di screditarlo, tuttavia la pop art fu una delle icone principali che accompagnarono il boom economico.

Per i VIP dell’epoca essere ritratti da Warhol divenne un “must” (a conferma del loro status sociale). Su questo tema fu allestita al Grand Palais di Parigi la grande mostra: Le Grand Monde d’Andy Warhol (18 marzo 2009 – 13 luglio 2009), dove furono esposti, tra i molti altri, anche i ritratti fatti agli italiani Gianni e Marella Agnelli (1972).

Fonte: Wikipedia

0 comments on “POPolare come Andy WarholAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.