Ricordiamo OGGI una figura chiave nello sviluppo della Filosofia e della Matematica moderna, il Logico boemo Bernard Bolzano

Ricordiamo OGGI una figura chiave nello sviluppo della Filosofia e della Matematica moderna, il Logico boemo Bernard Bolzano

 
Noi ammettiamo, naturalmente, che il tempo non è in alcun senso un’entità esistente, e che l’esistenza non appartiene né al tempo passato né a quello futuro, e neppure a quello presente. Bernard Bolzano

Ricordiamo OGGI una figura chiave nello sviluppo della Filosofia e della Matematica moderna, il Logico boemo Bernard Bolzano

Sebbene poco letto ai suoi tempi, il filosofo, logico e matematico boemo Bernard Bolzano esercitò indirettamente una grande influenza sulla filosofia del ventesimo secolo attraverso l’impatto delle sue idee su una vasta gamma di pensatori chiave, da Edmund Husserl a Bertrand Russell. Nato in una pia famiglia cattolica, Bernard Placidus Johann Nepomuk Bolzano alla fine diventa egli stesso sacerdote, nonché professore di religione all’Università di Praga poco dopo aver completato i suoi studi in matematica e filosofia. Sacerdote cattolico, professore di teologia all’Università di Praga dal 1805 al 1819, quando, a causa delle sue idee liberali, viene sospeso. Famoso per le sue convinzioni liberali, il suo impegno per la filantropia e la sua agitazione per le riforme dell’istruzione, Bolzano è alla fine bandito dall’insegnamento dalle autorità austriache. Il suo conseguente esilio dal mondo accademico ufficiale proibisce anche ai suoi scritti di apparire nelle riviste tradizionali. Dopo i suoi anni nella proverbiale landa selvaggia, Bolzano torna a Praga nel 1842, dove rimane fino alla sua morte sei anni dopo.

Bernard Bolzano nella filosofia

Bernard Bolzano è stato precursore sia della filosofia analitica che della fenomenologia. Nella sua principale opera filosofica, “Wissenschaftslehre” del 1837, attua lo sviluppo di logiche estremamente importanti, la separazione tra logica e psicologia. Coerente con la sua posizione riguardo alla matematica è l’insistenza di Bolzano sul fatto che la conferma soggettiva non poteva sostituire una giustificazione dimostrabile quando si trattava dello sviluppo della scienza. Il suo supremo antipsicologismo spiega la portata del suo impatto all’inizio del ventesimo secolo, quando lo psicologismo era la bestia nera comune sia per il logicismo che per la fenomenologia. Fornisce definizioni di molti concetti logici la cui originalità viene notata solo molto tempo dopo la sua morte. La sua “Wissenschaftslehre” fa di lui il più grande logico del periodo tra Leibniz e Frege. Il libro fu tuttavia tristemente trascurato dai contemporanei di Bolzano, ma riscoperto dagli allievi di Brentano: la sua ontologia di proposizioni e idee fornì a Husserl gran parte delle sue munizioni nella sua lotta contro lo psicologismo e a sostegno della fenomenologia, e attraverso Twardowski, ebbe anche un impatto sullo sviluppo di semantica logica nella scuola di Lwów-Varsavia.

Bernard Bolzano nella metafisica

Nella metafisica Bolzano era sotto l’influenza di Leibniz e nello scritto “Athanasia” (1827) ha cercato di dimostrare che l’anima è una sostanza semplice e di offrire una sorta di prova cosmologica per l’esistenza di Dio.

Bernard Bolzano nella matematica

Ha contribuito allo sviluppo dell’analisi matematica. Già nel 1816 utilizzò il criterio di convergenza di Augustine-Louis Cauchy per le serie infinite. Ha dimostrato il teorema di convergenza in spazi euclidei di dimensione finita, che è stato successivamente dimostrato indipendentemente da Karl Weierstrass ed è oggi chiamato teorema di Bolzano-Weierstrass. Le opere più importanti in matematica: “Beyträge zu einer begründeteren Darstellung der Mathematik” (1810), “Der binomische Lehrsatz”, (1816) e “Rein analytischer Beweis” (1817). Radicalmente antikantiano, sebbene in modo decisamente non hegeliano, Bernard Bolzano fu uno dei primi pensatori a richiedere un’aritmetizzazione totale dell’analisi matematica che evitasse il ricorso a qualsiasi intuizione o modelli o strutture intuitive. Questo impegno era evidente nel suo “Paradoxien des Unendlichen” (1851), pubblicato postumo, un libro che influenzò molti matematici successivi, tra cui Richard Dedekind e Georg Cantor. Nato a Praga nell’anno in cui apparve la prima Critica di Kant, Bernard Bolzano divenne uno dei critici più acuti sia di Kant che dell’idealismo tedesco. Morì a Praga nello stesso anno in cui nacque Frege; Frege è filosoficamente più vicino a lui di qualsiasi altro pensatore del diciannovesimo o ventesimo secolo. Bolzano fu l’unico esponente di spicco dell’utilitarismo tra i filosofi di lingua tedesca, ed era un matematico creativo il cui nome è debitamente ricordato negli annali di questa disciplina.

In cover: Bernard Bolzano. L’immagine è stata adattata, l’originale si trova qui: commons.wikimedia.org

0 comments on “Ricordiamo OGGI una figura chiave nello sviluppo della Filosofia e della Matematica moderna, il Logico boemo Bernard BolzanoAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.