Brain-control-neureka

Braincontrol per dispositivi Brain Connected

 

BrainControl è il software, sviluppato da una startup di Siena, dedicato ai malati di Sla che interpreta i segnali del cervello traducendoli in linguaggio.

Ha ricevuto un finanziamento dall’incubatore inglese Breed Reply. Al momento contiene un frasario di base ma in futuro vuole rendere disponibile anche una tastiera virtuale.

La Brain-Computer Interface, tecnologia che si basa sull’interazione uomo-macchina attraverso le onde cerebrali, vanta numerosi studi accademici ma ridotte applicazioni pratiche. Per merito dell’imprenditore Pasquale Fedele le nuove prospettive del brain control, trovano concretezza e promettono di restituire la possibilità di comunicare ai pazienti afflitti da paralisi totali.

Il cervello umano genera ogni istante impulsi elettrici che, con le necessarie tecnologie, possono essere misurati e convertiti in comandi per i dispositivi esterni

Il founder afferma che l’interfaccia usa la scansione per spostarsi tra le opzioni disponibili ed utilizza un solo pensiero, quindi una tipologia di impulso, per selezionare la scelta desiderata che include anche feedback audio-visivi. Le frasi nella modalità frasario sono completamente personalizzabili e permettono di essere integrate con simboli, feedback audio oltre che con la creazione di sotto-menu.

BrainControl utilizza quindi pensieri legati al movimento per integrarli con tecnologie assistive. Attraverso un caschetto e un tablet l’utente può rivolgersi all’esterno. Così chi è senza parola, può ricominciare a comunicare al mondo le proprie emozioni ed esigenze.

Andrea Paci

Fonte Wired , Corriere Innovazione

0 comments on “Braincontrol per dispositivi Brain ConnectedAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.