Nasceva oggi uno dei più feroci e carismatici dittatori della storia che qui menzioniamo come grande oratore: Adolf Hitler

Nasceva oggi uno dei più feroci e carismatici dittatori della storia che qui menzioniamo come grande oratore: Adolf Hitler

 

Le masse sono abbagliate più facilmente da una grande bugia, che da una piccola
Adolf Hitler

Uno degli oratori più influenti del mondo creò il più grande partito politico tedesco, conquistò una dozzina di nazioni e massacrò fino a 21 milioni di persone durante il suo brutale Terzo Reich durato 12 anni. In oltre 5.000 discorsi persuasivi, il leader nazista Adolf Hitler incantò il suo pubblico promettendo loro che il suo impero avrebbe regnato per mille anni.
Bruce Loebs, professore emerito presso l’Idaho State University ed esperto di Retorica di Hitler, attribuisce al suo carisma il successo dell’oratorio di Führer.

“Ha imparato a diventare un oratore carismatico e le persone, per qualsiasi motivo, si sono innamorate di lui”,

ha detto Loebs a Business Insider.

“Le persone erano più disposte a seguirlo, perché sembrava avere le risposte giuste in un periodo di enormi sconvolgimenti economici”.

Nonostante le afflizioni e le enormi riparazioni conseguenti la Prima Guerra Mondiale oltre a un’economia globale sempre più depressa, il contesto economico tedesco sostenne l’ascesa di Hitler negli anni ’30. Hitler approfittò del malcontento del popolo tedesco trovandosi in prima linea in un’ideologia politica opportunistica, il Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori. Prima della rapida ascesa dei nazisti sulla scena mondiale, il partito di Hitler era in gran parte sconosciuto, infatti aveva vinto con un esiguo 3% dei voti alle elezioni tedesche del 1924. “Quando Hitler decise di competere nel Reichstag”, o parlamento tedesco “capì che significava che doveva tenere discorsi e che significava che doveva parlare a quante più persone possibile per ottenere voti”, afferma Loebs su Business Insider.

Otto anni dopo, i nazisti erano il più grande partito del Reichstag. Nel 1934 Hitler e la sua spaventosa agenda politica guidavano il governo tedesco. In breve, come scrive lo storico Robert Waite: “Hitler era Nazidom. Di rado nella storia della civiltà occidentale è dipeso molto dalla personalità di un uomo. Ha creato la sua teoria politica e un governo che non avrebbe potuto esistere senza di lui”. Joseph Goebbels, il ministro della propaganda nazista, scrisse nel suo diario che Hitler era noto per scrivere i suoi discorsi e modificarli fino a cinque volte. Avrebbe “lavorato fino a notte fonda, diverse sere di corsa, occupando tre segretari che prendevano la dettatura direttamente alle macchine da scrivere prima di correggere con cura le bozze”, secondo lo storico britannico Ian Kershaw.
“Semplicemente non voleva fare affidamento su nessuno per scrivere i suoi discorsi”, ha detto Loebs a Business Insider. “Per Adolf Hitler, parlare in pubblico era così importante che non si sarebbe mai fidato di nessuno a scrivere i suoi discorsi per lui.” Loebs, aveva notato che anche Winston Churchill preferiva scrivere di persona i suoi discorsi, cosa rara tra i leader dell’epoca (e soprattutto di oggi). Nel libro di Ron Rosenbaum “Spiegare Hitler”, il romanziere franco-americano George Steiner descrive la voce del leader nazista come straordinariamente potente e “affascinante”. Sono nato nel 1929, quindi dal ’33 i miei primi ricordi sono rimasti in cucina ascoltando alla radio The Voice [di Hitler]”, ha condiviso Steiner con Rosenbaum. “È una cosa difficile da descrivere, ma la voce stessa era mesmerica … La cosa sorprendente è che il corpo arriva alla radio. Non posso dirlo in nessun altro modo. Senti che stai seguendo i gesti” asserì Steiner. “In lingua tedesca, Hitler attingeva a una sorta di potere retorico che – in un certo senso è forse un po’ peculiare del tedesco – allea i concetti altamente astratti con violenza politica e fisica in un modo molto insolito. E Hitler era facilmente un genio di quello, assolutamente nessun dubbio.” Inoltre, lo psicologo americano Henry Murray descrive la presenza complessiva di Führer come “ipnotica” in “La personalità di Adolf Hitler”, un rapporto di 229 pagine commissionato nel 1943 dall’Office of Strategic Services, un precursore della CIA.

Secondo il rapporto di Murray, Hitler ricevette frequenti complimenti per i suoi occhi grigio-blu, anche se venivano descritti come “morti, impersonali e non vedenti”. Il Führer era leggermente al di sotto della media in altezza e aveva un’attaccatura dei capelli sfuggente, labbra sottili e mani ben modellate. Murray nota come il leader spietato nazista fosse noto per offrire una stretta di mano debole con i palmi “umidi e viscidi” e fosse imbarazzante nel fare chiacchiere. E così “Ha dovuto assolutamente lavorare alla sua presentazione poiché era metà del suo messaggio”, continua Loebs a Business Insider. Ovviamente, dovette cominciare a lavorare sul linguaggio del corpo “per comunicare con successo le sue idee“. Il fotografo personale di Hitler, Heinrich Hoffmann, aveva scattato 2 milioni di fotografie al leader bellicoso ma gli fu consigliato di non mostrarle mai al pubblico. Nel 1925, Hoffman scattò diverse foto delle espressioni facciali e dei gesti di Hitler mentre provava i discorsi in uno specchio. Dopo aver studiato le immagini, secondo quanto riferito, il leader nazista chiese che fossero distrutte. Segretamente Hoffman salvò le foto e le pubblicò 30 anni dopo nel suo libro di memorie, “Hitler era mio amico”: “Nessun altro fotografo nella storia ha ottenuto lo scoop che ha fatto [Hoffman]: accesso intimo ed esclusivo a un grande capo di stato – e, soprattutto, la possibilità di lavorare con un soggetto che sapeva molto bene come lavorare la fotocamera, e prestava una scrupolosa attenzione alla coltivazione della sua immagine pubblica“, scrisse in seguito lo storico Roger Moorhouse nell’introduzione ripubblicata del libro di memorie di Hoffman.

Concludiamo con le parole del grande oratore Adolf Hitler:

“So che gli uomini sono conquistati meno dalla parola scritta che dalla parola parlata, che ogni grande movimento su questa terra deve la sua crescita a grandi oratori e non a grandi scrittori.”

In cover: Adolf Hitler.
L’immagine è stata adattata, l’originale si trova qui: wikimedia

0 comments on “Nasceva oggi uno dei più feroci e carismatici dittatori della storia che qui menzioniamo come grande oratore: Adolf HitlerAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.