Fisiognomica al tempo delle reti neurali

Fisiognomica al tempo delle reti neurali

Condividi
Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterPin on Pinterest
 

Una start-up israeliana assicura di avere realizzato una tecnologia in grado di riconoscere i terroristi a colpo d’occhio.  Secondo i fondatori di Faception, il software in loro possesso determinerebbe le caratteristiche dei soggetti semplicemente da un’analisi facciale e che con il proprio sistema può riconoscere potenziali terroristi, giocatori di poker e pedofili.

Nella seconda metà dell’800 il criminologo italiano Cesare Lombroso sosteneva che il comportamento criminale fosse ereditario e che fosse possibile riconoscere i delinquenti osservandone i tratti fisici. Faception pare quindi riaffermare che il nostro volto è lo specchio fedele della nostra personalità e, su questo presupposto, ha sviluppato un software che utilizza 15 marcatori segreti in grado assegnare le persone a 8 classificatori con un’accuratezza dell’80%. Questi classificatori rappresentano un preciso tipo di personalità: Qi elevato, ricercatore accademico, giocatore professionista di poker, giocatore di bingo, brand promoter, criminale dal colletto bianco, terrorista e pedofilo.

Le prove che questi giudizi siano accurati sono estremamente deboli. Proprio quando pensavamo che la fisiognomica fosse finita cent’anni fa

Ma non tutti concordano sul fatto che possa funzionare.

Alexander Todorov, professore di psicologia a Princeton, sentito dal Washington Post, parla di “prove estremamente deboli” su un giudizio basato esclusivamente su caratteri somatici. La startup cita a suo supporto una manciata di studi scientifici ma questi non solo non possono in alcun modo giustificare l’efficacia del loro approccio, ma non sono nemmeno rappresentativi dello stato dell’arte delle ricerche. I presupposti di Faception non hanno quindi un fondamento scientifico.

Tutto questo va ad aggiungersi alla percentuale di successo dell’algoritmo sviluppato, dichiarando un’accuratezza dell’80%. Viene da chiedersi quale possa essere il costo sociale dei falsi positivi, cioè quelli verrebbero erroneamente etichettati come criminali se un sistema del genere venisse implementato.

Per il momento non abbiamo risposta, perché l’imprenditore Shai Gilboa,Ceo di Faception e responsabile etico della compagnia, garantisce che nessuno dei classificatori che permettono di identificare personalità negative sarà diffuso nel pubblico.

Andrea Paci

Fonte Wired

Condividi
Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterPin on Pinterest

0 comments on “Fisiognomica al tempo delle reti neuraliAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *