Il grande balzo per l’umanità fu il piccolo passo che un uomo fece sulla Luna: Neil Amstrong

Il grande balzo per l’umanità fu il piccolo passo che un uomo fece sulla Luna: Neil Amstrong

Condividi
Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterPin on Pinterest
 

Sono convinto che ogni essere umano abbia un numero finito di battiti cardiaci. Non intendo sprecare i miei correndo in giro a fare esercizi.

Neil Amstrong

Il grande balzo per l’umanità fu il piccolo passo che un uomo fece sulla Luna: Neil Amstrong

Il primo uomo a camminare sulla luna, Neil Alden Amstrong, nasce a Wapakoneta, in Ohio, il 5 agosto 1930. Inizia la sua carriera nella NASA Ohio. Dopo aver prestato servizio come aviatore navale dal 1949 al 1952, Armstrong entra nel National Advisory Committee for Aeronautics (NACA) nel 1955. Il suo primo incarico è con il NACA Lewis Research Center (ora NASA Glenn) a Cleveland. Nei 17 anni successivi lavora come ingegnere, collaudatore, astronauta e amministratore della NACA e della sua agenzia successiva, la National Aeronautics and Space Administration (NASA).
Come pilota di ricerca presso il Flight Research Center della NASA, Edwards, California, opera come pilota di progetto su molti velivoli ad alta velocità all’avanguardia, tra cui il ben noto X-15 da 4000 mph. Sorvola oltre 200 diversi modelli di aerei, inclusi jet, razzi, elicotteri e alianti. Nel 1962 ad Armstrong viene conferito lo stato di astronauta e poi è assegnato come pilota di comando per la missione Gemini 8. Gemini 8 viene lanciato il 16 marzo 1966 e Armstrong esegue il primo attracco di successo di due veicoli nello spazio.
Come comandante di veicoli spaziali per Apollo 11, la prima missione di atterraggio con equipaggio umano, Armstrong guadagna la fama di essere il primo uomo a far atterrare un aereo sulla luna e il primo a salire sulla sua superficie. Armstrong successivamente ricopre la carica di Vice Amministratore Associato per l’Aeronautica, sede della NASA, Washington, DC. In questa posizione, diviene responsabile del coordinamento e della gestione della ricerca e della tecnologia NASA in relazione all’aeronautica. È anche professore di ingegneria aerospaziale all’Università di Cincinnati tra il 1971 e il 1979. Durante gli anni 1982-1992, Armstrong è inoltre presidente di Computing Technologies per Aviation, Inc., Charlottesville, Virginia. Consegue una laurea in Ingegneria Aeronautica presso la Purdue University e un Master of Science in Ingegneria Aerospaziale presso la University of Southern California. Riceve il dottorato honoris causa da un certo numero di università. Armstrong muore il 25 agosto 2012 in seguito a complicazioni derivanti da procedure cardiovascolari all’età di 82 anni.

Armstrong è stato membro della Society of Experimental Test Pilots e della Royal Aeronautical Society; membro onorario dell’American Institute of Aeronautics and Astronautics e International Astronautics Federation; membro della National Academy of Engineering e dell’Accademia del Regno del Marocco; membro della National Commission on Space (1985-1986), in qualità di Vicepresidente della Commissione presidenziale per lo Space Shuttle Challenger Accident (1986) e presidente del comitato consultivo presidenziale per i Peace Corps (1971- 1973). Armstrong è stato decorato da 17 paesi e destinatario di molti onori speciali, tra cui la Presidential Medal of Freedom; la medaglia d’oro del Congresso; la Medal of Honor dello spazio del Congresso; la medaglia di Explorers Club; il Robert H. Goddard Memorial Trophy; la medaglia del Servizio distinto della NASA; l’Harmon International Aviation Trophy; la medaglia d’oro della Royal Geographic Society; la medaglia dello spazio d’oro della Federazione Aeronautique Internationale; il Premio Achievement di volo dell’American Astronautical Society; il trofeo Robert J. Collier; l’AIAA Astronautics Award; l’Ottava Chanute Award; e il premio John J. Montgomery.

In cover: Neil Alden Amstrong. L’immagine è stata adattata, la foto originale è qui 

Condividi
Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterPin on Pinterest

0 comments on “Il grande balzo per l’umanità fu il piccolo passo che un uomo fece sulla Luna: Neil AmstrongAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *