Louis Armstrong, creativo musicista, trombettista, cantante, attore...

Ricordiamo il più grande trombettista di tutti i tempi, Louis Armstrong

 

Ogni uomo ha la sua propria musica
che ribolle dentro di lui.

Louis Armstrong

Ricordiamo l’ambasciatore del jazz, il più grande trombettista di tutti i tempi, Louis Armstrong

Louis Daniel Armstrong nasce a New Orleans il 4 agosto 1901. Figlio di Willie Armstrong, un lavoratore della trementina, e Mary Ann Armstrong, i cui nonni erano stati schiavi. Da ragazzo cantava per le strade con gli amici. I suoi genitori si separarono quando aveva cinque anni così crebbe povero in una famiglia monoparentale. Vive con sua sorella, sua madre e sua nonna in una zona degradata di New Orleans conosciuta come “il campo di battaglia” a causa del gioco d’azzardo, dell’ubriachezza, dei combattimenti e delle sparatorie che spesso accadevano lì.
Nel 1913 per celebrare il nuovo anno, Armstrong corre per strada e spara un colpo in aria con la pistola dell’attuale compagno di sua madre. Così a soli 13 anni viene arrestato e poi mandato alla Waif’s Home (una scuola di riforma), dove prende la cornetta (uno strumento simile a una tromba) e finisce per suonare in una band. Dopo il suo rilascio lavora in modo strano e inizia a esibirsi con gruppi locali.

A The Colored Waifs Home for Boys impara a suonare la tromba e il clarinetto e si unisce alla banda di ottoni della casa. A 18 anni ottiene un lavoro nella Kid Ory Band di New Orleans. Armstrong diviene anche amico di Joe “King” Oliver, leader della prima grande band afroamericana, che gli dà lezioni di tromba. Nel 1922 si reca a Chicago unendosi a Oliver dove suona con la Creole Jazz Band e fa le sue prime registrazioni con quella band nel 1923. Nel 1924 va a New York per suonare con la band di Fletcher Henderson.

Quando Armstrong torna a Chicago nell’autunno del 1925, organizza una band e inizia a registrare una delle più grandi serie della storia del jazz. Queste registrazioni “Hot Five” e “Hot Seven” mostrano la sua abilità e sperimentazione con la tromba. Nel 1928 registra insieme al batterista Zutty Singletone e al pianista Earl Hines, quest’ultimo un musicista la cui abilità eguagliano quelle di Armstrong. Molti dei dischi risultanti sono capolavori di costruzione dettagliata e ritmi avventurosi.
Durante questi anni Armstrong stava lavorando con grandi gruppi nei club e nei teatri di Chicago. Le sue voci, presenti nella maggior parte dei dischi dopo il 1925, sono un’estensione della sua tromba che suonano nella loro vivacità ritmica e vengono consegnate in uno stile unico e gutturale.
È anche l’inventore del canto “scat” (l’uso casuale di sillabe senza senso), la cui origine risale ad un episodio durante il quale mentre sta registrando una canzone non riesce a ricordare i testi perché gli era caduto lo spartito.

Nel 1929 Armstrong si trova a New York City e dirige una band in locali notturni. Appare a Broadway in “Hot Chocolates”, canta “Fats” Waller’s (1904-1943) e “Is not Misbehavin”, il primo successo popolare di canzoni di Armstrong.
Durante gli anni ’30 Armstrong raggiunge la fama internazionale, dapprima girando l’Europa come solista e cantante nel 1932 mentre il suo modo di suonare la tromba raggiunge il culmine attorno al 1933. Il suo stile diviene quindi più semplice, sostituendo la sperimentazione dei suoi primi anni con un approccio più maturo che utilizza ogni nota al suo massimo vantaggio.

Dopo la seconda guerra mondiale (1939-45) e il suo viaggio in Francia nel 1948, diviene un viaggiatore costante del mondo. Viaggiato attraverso l’Europa, l’Africa, il Giappone, l’Australia e il Sud America. Inoltre appare in numerosi film, il migliore dei quali un documentario intitolato “Satchmo the Great” (1957). Il pubblico giunge a pensare a Louis Armstrong come un intrattenitore di vaudeville (un artista leggero, spesso comico) nei suoi ultimi anni – un fatto che si riflette in gran parte della sua produzione registrata. Tuttavia ci sono ancora occasioni in cui riesce a produrre sempre musica brillante e ben fatta.
Muore a New York il 6 luglio 1971.

0 comments on “Ricordiamo il più grande trombettista di tutti i tempi, Louis ArmstrongAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.