Dalla metafora concettuale alla metafora multimodale: LA COMPRENSIONE DELLE METAFORE VERBALI E VISIVE

Dalla metafora concettuale alla metafora multimodale: la comprensione delle metafore verbali e visive

 

Dalla metafora concettuale alla metafora multimodale:
LA COMPRENSIONE DELLE METAFORE VERBALI E VISIVE

Vedi le altre parti dell’articolo di Carmen Cini “Ialla metafora concettuale alla metafora multimodale:”

Le metafore sono figure o discorsi in cui delle cose ne rappresentano implicitamente altre. Le metafore sono usate per parlare o scrivere su una varietà di questioni. L’ipotesi che le metafore possano influenzare i destinatari è stata riconosciuta fin dall’antichità (Quintiliano). Tuttavia, le idee su come le metafore influenzano le persone sono cambiate nel tempo. Dagli anni ’80, è stato ampiamente riconosciuto che le metafore, non servono solo come ornamenti linguistici che aggiungono un tocco retorico a un testo o un discorso ma, sono anche in grado di trasferire contenuti concettuali (Lakoff & Johnson, 1980). Pertanto, come sostenuto da Burgers, Konijn e Steen (2016), le metafore possono adempiere a una o più delle funzioni dell’inquadramento definite da Entman (1993): possono mettere in primo piano una particolare definizione di problema, fornire un’interpretazione causale, affrontare una valutazione del problema e / o promuovere una possibile soluzione del problema. Una metafora può influenzare diversi individui in modo diverso, a seconda, ad esempio, della loro cultura, delle conoscenze pregresse sul problema e della loro età. Per rivelare come le metafore influenzano il ragionamento sui problemi, gli studiosi devono studiare come le metafore vengono elaborate dagli individui.

Solitamente gli input verbali e visivi vengono trattati come fenomeni diversi che richiedono strategie interpretative diverse quando si cerca un’interpretazione metaforica. Tuttavia, la comprensione delle metafore verbali e di quelle visive implica procedure mentali simili. Sebbene la percezione delle immagini differisca dalla decodifica linguistica, il raggiungimento di un’interpretazione delle metafore comporta aggiustamenti simili delle informazioni concettuali di testi e immagini e combinazioni multimodali, indipendentemente dalla qualità modale dell’input.

La comprensione delle metafore verbali e visive implica la simulazione di procedure mentali. Sebbene la percezione delle immagini sia ovviamente diversa dalla decodifica linguistica, comporta un adeguamento delle informazioni concettuali. In modo simile alla comprensione della metafora verbale, la comprensione della metafora visiva richiede un accesso e una regolazione delle informazioni concettuali archiviate o allegate ai riferimenti prototipici enciclopedici dell’immagine o delle immagini rappresentate. Ciò implica che è della massima importanza determinare se l’autore della metafora in questione intenda che i riferimenti più accessibili delle immagini debbano essere sottoposti a elaborazione metaforica o se le fonti di metafora previste debbano essere trovate altrove.

 

metafore visive e metafore verbali

Francisco Yus sostiene che l’interpretazione delle metafore visive non differisce sostanzialmente dall’elaborazione di metafore verbali nella comprensione del suo essere metafora, la cui differenza principale rimane il modo in cui l’ingresso viene trasferito al processore inferenziale centrale. Entrambi i tipi di metafora vengono “decodificati” da un modulo mentale specializzato (Fodor 1983) che fornisce informazioni schematiche che deve essere arricchito inferenzialmente per ottenere l’interpretazione prevista (di rilevanza ottimale). La percezione decontestualizzata delle immagini non risulta abbastanza rilevante (alcune incongruenze nell’immagine o nelle immagini dirigono lo spettatore verso un’interpretazione metaforica). Così il lettore deve impegnarsi nelle fasi interpretative successive coinvolgendo l’accesso a informazioni enciclopediche direttamente correlate al referente raffigurato nell’immagine, o reso prominente dalla relazione metonimica con altri referenti enciclopedici. In questa fase, il lettore si adatterà alle informazioni concettuali nella sua ricerca di rilevanza e si genereranno concetti appropriati. Questo è lo stesso tipo di adattamento concettuale che avviene nell’interpretazione delle metafore verbali. Nel breve tempo, le informazioni concettuali devono essere accessibili e adattate in qualsiasi tipo di metafora. È solo il tipo di input decodificato che alimenta il processo inferenziale che fa la differenza. In effetti, è la modalità attraverso cui il lettore è coinvolto con le informazioni codificate e regolate inferenzialmente a giocare un ruolo importante nella quantità e qualità delle conclusioni metaforiche derivate. Normalmente, le immagini hanno un impatto più forte sul lettore dovuto alla loro elaborazione olistica in quanto gestalt e buona per “visualizzare” concetti convenzionali. D’altra parte, se le espressioni sono lineari i lettori fanno ipotesi interpretative su come è il testo elaborato in una integrazione parola per parola in frasi e frasi, che comporta differenze nel modo in cui vengono generati significati letterali e impliciti.

Carmen Cini

0 comments on “Dalla metafora concettuale alla metafora multimodale: la comprensione delle metafore verbali e visiveAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.