Amo me stesso - differenza tra avere una sana autostima e il narcisismo in forma tossica

SELFIE “WARNING” – parte 2° – Sindrome da Selfie

Condividi
Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterPin on Pinterest
 

 

Come abbiamo raccontato nel precedente articolo, la moda dei Selfie si sta espandendo e sta divenendo sempre più contagiosa!
Questo porta ad alcuni pericoli per:
A) Il nostro SÉ AUTOBIOGRAFICO (Damasio)
B) la nostra ESISTENZA FISICA (corporea)


Sindrome da Selfie – Come i social media ci stanno rendendo narcisisti

Gli scienziati collegano i selfie al narcisismo, alle dipendenze e alle malattie mentali
Pericolo per il nostro SÉ AUTOBIOGRAFICO!

 

Premessa

 

“Le autobiografie sono costituite di ricordi personali, la somma totale delle esperienze della nostra vita, comprese quelle dei progetti che abbiamo fatto per il futuro, specifici o vaghi che siano.
Il SÉ AUTOBIOGRAFICO – una autobiografia resa cosciente
attinge dall’intero orizzonte della nostra storia memorizzata, remota e recente. In quella storia, sono comprese le esperienze sociali di cui siamo stati parti, o di cui avremmo voluto far parte; vi sono ugualmente compresi i ricordi che descrivono le nostre esperienze emozionali più raffinate, e precisamente quelle che hanno i requisiti per essere definite spirituali.”
António Rosa Damásio (Lisbona, 25 febbraio 1944) è un neurologo, neuroscienziato, psicologo e saggista portoghese. Ha compiuto importanti studi sulle basi neuronali della cognizione e del comportamento.

 

Come abbiamo accennato nell’articolo precedente e in questo, oltre a qualsiasi aspetto che potete leggere e trovare sul web, a riguardo alle problematiche o alle profilazioni o diagnosi che possono essere create su ogni individuo e di qualsiasi intensità, dobbiamo prendere atto che ognuno di esse andrà a influenzare in maniera positiva o negativa il proprio “SÉ AUTOBIOGRAFICO”.


Cos’è il narcisismo?

Il Disturbo Narcisistico di personalità (DNP) è stato mantenuto nel DSM V (contrariamente a quanto ipotizzato fino all’uscita del DSM V nel 2013 mentre la versione italiana è uscita nel 2014). Per la prima volta la descrizione includerà le caratteristiche del tipo conosciuto come narcisismo vulnerabile o covert.
DSM – Il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (APA: American Psychiatric Association), noto con la sigla DSM, è uno dei sistemi nosografici per disturbi mentali più utilizzato da medici, psichiatri e psicologi di tutto il mondo, sia nella clinica che nella ricerca.

Alcune definizioni

PER LA TRECCANI (www.treccani.it):
Narcisismo – Tendenza e atteggiamento psicologico di chi fa di sé stesso, della propria persona, delle proprie qualità fisiche e intellettuali, il centro esclusivo e preminente del proprio interesse e l’oggetto di una compiaciuta ammirazione, mentre resta più o meno indifferente agli altri, di cui ignora o disprezza il valore e le opere. Il termine fu introdotto nel 1898 in sessuologia dallo psichiatra tedesco H. Ellis…”

IL NARCISISMO IN PSICOANALISI – “Secondo la psicoanalisi il narcisismo può essere, entro certi limiti, uno stato normale, ma può talora assumere dimensioni e significato patologici che interferiscono seriamente sulla vita di relazione. Nel saggio Introduzione al narcisismo (1914), S. Freud distinse un n. primario, tipico del primo stadio dell’esistenza e antecedente alla formazione dell’Io, in cui è assente qualsiasi genere di relazione e investimento oggettuale (la vita intrauterina sarebbe l’esempio migliore di questo stato), e un n. secondario, in cui si verifica un ritiro dagli investimenti libidici oggettuali e la libido viene reinvestita sull’Io.”

IL NARCISISMO COME DISTURBO MENTALE – “In psichiatria, il narcisismo è indicato tra i disturbi di personalità (disturbo narcisistico di personalità). Le persone affette da tale disturbo tendono a esagerare le proprie capacità e i propri talenti, sono costantemente assorbite da fantasie di successo illimitato, manifestano un bisogno quasi esibizionistico di attenzione e di ammirazione. Incapaci di riconoscere e percepire i sentimenti degli altri, tendono a sfruttare il prossimo per raggiungere i propri scopi o per poter ingrandire sé stesse.”

Parlando di social e selfie direi anche che perseguono la gratificazione dalla vanità e l’ammirazione dei propri attributi fisici e intellettuali.

Segni di narcisismo

Ascolto unilaterale – Invece di ascoltare per rispondere, i narcisisti ascoltano per respingere, negare, ignorare, minimizzare o altrimenti rendere irrilevanti le preoccupazioni di qualcun altro.

Preoccupati di sé – I narcisisti agiscono egoisticamente e, anche se generosi, sono generalmente solo sensibili alle loro preoccupazioni.

Essere al di sopra delle regole – I narcisisti sentono di essere al di sopra degli altri e che le regole non si applicano a loro.

Impossibilità di criticare – Mentre i narcisisti hanno un’idea gonfiata della propria importanza, possono essere rapidamente sgonfiati da critiche negative.

Rifiuto di assumersi la responsabilità – I narcisisti tendono a incolpare gli altri per cose sbagliate.

Veloce alla rabbia – I narcisisti possono facilmente arrabbiarsi con commenti critici o essere ordinati su cosa fare.

selfie syndrome

Effetti negativi dei social media

Secondo una ricerca della California State University: l’uso eccessivo dei social network può essere collegato a problemi psichiatrici

○ Disturbo da deficit di attenzione e iperattività

○ Depressione

○ Disturbo ossessivo-compulsivo

○ Disturbo da personalità narcisistica

○ Ipocondria

○ Disturbi schizoaffettivi e schizotipici

○ Disforfia corporea

○ Voyeurismo

○ Dipendenza.

Ad esempio su Facebook – The Social Mirror (specchio sociale)
Le persone che usano Facebook tendono ad avere più personalità narcisistiche o insicure.
Quelle con punteggi di narcisismo più alti spesso aggiornano stati, postando foto di se stessi e usando citazioni o motti per glorificarsi (Basato su uno studio di utenti di Facebook di età compresa tra 18 e 25 anni utilizzando il Narcisism Personality Inventory e la scala di stima di Rosenberg).
Mentre un sondaggio del 2012 sugli avvocati divorzisti ha dimostrato che Facebook era stato implicato in 1/3 di tutte le domande di divorzio dell’anno precedente.

Fonte: complete-health-and-happiness.com 

 


SELFIE del NARCISISTA STEREOTIPO

Di solito quando nelle persone c’è una crescente tendenza a prendere selfie con lo smartphone, si dice che sia legata a condizioni di salute mentale che si concentrano sull’ossessione di una persona per quanto riguarda gli sguardi.
Secondo lo psichiatra, il dott. David Veal: “Due su tre di tutti i pazienti che vengono a trovarmi con il Disturbo Dismorfatico del Corpo dall’avvento dei cellulari con fotocamera hanno l’obbligo di prendere e pubblicare ripetutamente selfie sui siti dei social media”.

 

“La terapia comportamentale cognitiva viene utilizzata per aiutare un paziente a riconoscere le ragioni del suo comportamento compulsivo e quindi a imparare come moderarlo”, ha detto al Sunday Mirror.

 

È possibile che l’assunzione di selfie causi malattia mentale, dipendenza e narcisismo? Molti psicologi dicono di sì e avvertono i genitori di prestare molta attenzione a ciò che i bambini stanno facendo online per evitare casi futuri come quello che è successo a Bowman un ragazzo di 19 anni inglese.

Un adolescente inglese ha cercato di suicidarsi dopo aver fallito nel realizzare il selfie perfetto. Danny Bowman è diventato così ossessionato da catturare lo scatto perfetto che ha trascorso 10 ore al giorno realizzando fino a 200 selfie. Il 19enne ha perso quasi 30 sterline, ha abbandonato la scuola e non ha lasciato la casa per sei mesi nella sua ricerca di ottenere la giusta immagine. Avrebbe scattato 10 foto subito dopo il risveglio. Frustrato dai suoi tentativi di prendere l’unica immagine che voleva, Bowman alla fine ha cercato di togliersi la vita in overdose, ma è stato salvato da sua madre.
“Ero costantemente alla ricerca del selfie perfetto e quando ho capito che non potevo, volevo morire. Ho perso i miei amici, la mia educazione, la mia salute e quasi la mia vita “, ha detto a The Mirror.
Si ritiene che il teenager sia il primo tossicodipendente del Regno Unito che abbia avuto una terapia per curare la sua dipendenza dalla tecnologia così come il disturbo ossessivo-compulsivo del disturbo ossessivo-compulsivo.
Parte del suo trattamento al Maudsley Hospital di Londra prevedeva di portare via il suo iPhone per intervalli di 10 minuti, che aumentavano fino a 30 minuti e poi un’ora.
“È stato straziante per cominciare, ma sapevo che dovevo farlo se volevo continuare a vivere”, ha detto al Sunday Mirror.
Funzionari della sanità pubblica nel Regno Unito hanno annunciato che la dipendenza da social media come Facebook e Twitter è una malattia e più di 100 pazienti hanno cercato un trattamento ogni anno.

 

“I selfie spesso innescano percezioni di auto-indulgenza o dipendenza sociale in cerca di attenzione che solleva lo spettro (“maledetto se lo fai e dannato se non lo fai”) del narcisismo o dell’autostima molto bassa”, ha detto Pamela Rutledge in Psychology Today.

 

Il grande problema con l’aumento del narcisismo digitale, è che esercita un’enorme pressione sulle persone per raggiungere obiettivi irrealizzabili, senza renderli più affamati. Voler essere Beyoncé, Jay Z o una modella è già abbastanza difficile, ma quando non sei preparato a lavorare duramente per raggiungerlo, stai già abbassando le tue aspirazioni. Poche cose sono più autodistruttive di una combinazione tra un alto titolo e un’etica del lavoro pigro.

In definitiva, le manifestazioni online del narcisismo potrebbero essere poco più di una strategia di auto-presentazione per compensare un’autostima molto bassa e fragile. Tuttavia, quando questi sforzi vengono rinforzati e premiati da altri, essi perpetuano la distorsione della realtà e consolidano le illusioni narcisistiche.

Il narcisismo può arrivare a essere pericoloso per se stessi e tossico per gli altri, ma in una forma sana serve all'autostima.


SELFIE e DECLINAZIONI del Narcisista

Quando la maggior parte di noi sente la parola narcisismo o narcisista, tende ad immaginarsi un fanatico di se stesso che, pavoneggiandosi, non riesce a smettere di parlare di se stesso. Ma la maggior parte delle volte, non sempre è così: molti narcisisti non sono guidati dall’aspetto, dalla fama o dai soldi, alcuni possono persino essere timidi o pacati. La sorprendente verità è che siamo stati distratti da uno stereotipo vuoto che ci acceca a segni ben più attendibili del pericolo – e un’intera generazione sta soffrendo a causa di esso.

In Ripensare il narcisismo, il dott. Craig Malkin, un istruttore della Harvard Medical School e psicologo clinico con più di due decenni di esperienza, offre un modello radicalmente nuovo per comprendere questo termine spesso abusato.

Il narcisismo è essenzialmente uno spettro di auto-importanza – e ognuno cade da qualche parte sulla scala tra il totale altruismo e la totale arroganza. Quando invochiamo casualmente il termine “narcisista”, molti di noi si riferiscono al bordo esterno oscuro dello spettro, che può ombreggiare in pericolose psicopatie. Eppure ci sono anche quelli che vivono all’estremità inferiore dello spettro – soprannominati “echoists”
Dr. Malkin

Anche queste sono persone che conosciamo; persone così timorose di attenzione o riconoscimento che spesso sembrano non avere alcuna voce.
Attingendo alla propria ricerca e a quelle più recenti in psicologia, il Dr. Malkin, utilizza vivide storie di persone di tutti i ceti sociali per insegnare strategie concrete per individuare e affrontare il narcisismo eccessivo.
Allo stesso tempo, il Dr. Malkin spiega perché

Abbracciare un certo grado di narcisismo,
la spinta a sentirsi speciali,
sia essenziale per mantenere un sano senso di autostima.

Usando il suo nuovo strumento, il Narcisism Test , egli non solo guida i lettori attraverso il processo di misurazione del loro narcisismo, ma offre anche una guida passo passo per prevenire il narcisismo malsano e alimentare il narcisismo sano in noi stessi, così come nei nostri partner, nei nostri colleghi, nei nostri amici e soprattutto nei nostri figli.
Innamorati di se stessi, i narcisisti vogliono l’elogio degli altri, cercano attenzione, si preoccupano del loro aspetto.

Talvolta, i loro comportamenti sono meno decifrabili, ma, in ogni caso, il mondo deve ruotare attorno a loro. In realtà, lungo la scala che va dall’altruismo assoluto, anch’esso espressione del narcisismo, all’arroganza totale, estremi entrambi pericolosi, si collocano forme salutari e, anzi, preziose, di narcisismo.
Dr. Malkin

È essenziale dunque sapersi spostare lungo quella scala. Basandosi sulla propria ricerca e sulle ultime scoperte in psicologia, Malkin insegna:
strategie concrete per fronteggiare i narcisisti nel modo giusto, o per prevenire e combattere in noi le derive più pericolose e conflittuali del narcisismo. Nello stesso tempo, aiuta a dotarsi di una sana autostima anche chi, al contrario, non si sente abbastanza speciale, affinché trovi il coraggio di far sentire la sua voce e viva una vita più ricca e appagante.

Dobbiamo dimenticare tutti i cliché, essere consapevoli e cogliere il meglio dal bisogno di sentirsi speciali e nell’affrontare consapevolmente la tendenza a essere assorbiti da se stessi. Sia che siate narcisisti o, al contrario, siate alle prese con qualcuno che lo è.

Alla fine sono giunto anche io a questa considerazione, che quasi tutti noi abbiamo diversi gradi di narcisismo in noi stessi.
Essere consapevoli del proprio narcisismo aiuta le persone ad evitare le tentazioni e i pericoli del narcisismo estremo e a difendersi dai narcisisti – sia nel mondo reale che nel cyberspazio o web o mondo sociale (in qualsivoglia mondo siate e lo vogliate chiamare); in altro modo l’essere consapevoli aiuta tutti, comprese le persone che non si sentono abbastanza speciali, a trovare le voci in loro stessi e a vivere vite più appassionate e appaganti.
Quanti amici, clienti o parenti avete come narcisisti?
E Voi che narcisista siete?

Stefano Migliorati

Condividi
Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterPin on Pinterest

0 comments on “SELFIE “WARNING” – parte 2° – Sindrome da SelfieAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *