The Hollywood Sign: quando un cartellone pubblicitario diventa la corona di una città

The Hollywood Sign: quando un cartellone pubblicitario diventa la corona di una città

 

The Hollywood Sign: quando un cartellone pubblicitario diventa la corona di una città

Originariamente eretto nel 1923 come cartellone pubblicitario dedicato a un nuovo sviluppo residenziale sulle colline sopra Hollywood, “The Hollywood Sign” da allora è diventato un emblema per l’industria cinematografica e la città di Los Angeles. Inizialmente destinato a durare solo un anno e mezzo, “The Hollywood Sign” ha resistito per più di otto decenni per poi nel 1973 ottenere lo status di monumento culturale e storico ed essere ricostruito ancora una volta nel 1978 come “segno” più grande al mondo.

L’insegna dell’industria cinematografica

Hollywood, che ormai rappresentava non solo una città, ma anche un’industria, uno stile di vita e, sempre più, un’aspirazione, fu ufficialmente incoronata quando il cartello “Hollywoodland” fu eretto il 13 luglio del 1923. Costruito dall’editore del Los Angeles, Times Harry Chandler, come un epico cartellone da $ 21.000 che pubblicizzava il suo esclusivo sviluppo immobiliare “Hollywoodland”, “The Hollywood Sign”, presto assunse il ruolo di tendone gigante per una città che annunciava costantemente la sua prima di gala. Il “cartellone” infatti era enorme.

Ognuna delle 13 lettere originali era larga 30 piedi e alta circa 43 piedi, costruita con quadrati metallici 3 × 9 ′ montati insieme da una complessa cornice di ponteggi, tubi, fili e pali del telefono. Donato poi alla città di Los Angeles nel 1944, rimase tale fino a che la Commissione per la ricreazione e i parchi della città decisero che avrebbe dovuto essere demolito. Era stato deciso di abbattere il vecchio segno di Hollywood per ricostruirlo, ma senza la parola “LAND”. Tuttavia, la Camera di commercio di Hollywood e i residenti locali indissero una sorta di Cerimonia rivoluzionaria.

Da “Hollywoodland” a “Hollywood”

In origine, infatti si leggeva “Hollywoodland” anche se le ultime quattro lettere vennero lasciate cadere dopo il rinnovo che avvenne il 26 settembre 1949.  Così la vecchia insegna di “Hollywoodland”, oramai in rovina, venne restaurata rimuovendo le lettere che recavano “LAND” e riparando il resto, tra cui la “H” che aveva subito un rovesciamento, e al suo posto ricostruita e quindi sostituita con la sola parola “Hollywood”.

Qualche decennio dopo, grazie all’aiuto di alcuni donatori, “The Hollywood Sign” era pronto per la sua revisione. Il vecchio cartello venne demolito nell’agosto del ’78 e così, per tre mesi Hollywood rimase senza il suo “segno”. Poi, con 194 tonnellate di cemento, smalto e acciaio più tardi, il segno rinacque, pronto e lucidato per un nuovo millennio. La resurrezione del “The Hollywood Sign” fu un passo importante in quanto tentativo riuscito di rivitalizzazione di una Hollywood quale centro dell’industria dell’intrattenimento globale.

“The Hollywood Sign” venne presentato accanto alla Torre Eiffel, alle Grandi Piramidi d’Egitto e a Times Square di New York durante la copertura televisiva del conto alla rovescia del millennio globale.

E così, l’ex cartellone immobiliare ha continuato a collocarsi tra i punti di riferimento più venerati continuando a ispirare i cineasti e fan di tutto il mondo.

In cover: l’antica Hollywood Sign. L’immagine è stata adattata, l’originale utilizzata si trova qui: www.onthisday.com

0 comments on “The Hollywood Sign: quando un cartellone pubblicitario diventa la corona di una cittàAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.