Il 22 novembre 1928 all’Opera di Parigi debutta "Boléro" di Maurice Ravel una composizione ipnotica, sinuosa e sexy ma “senza musica”

Il 22 novembre 1928 all’Opera di Parigi debutta “Boléro” di Maurice Ravel una composizione ipnotica, sinuosa e sexy ma “senza musica”

 

Il 22 novembre 1928 all’Opera di Parigi debutta “Boléro” di Maurice Ravel una composizione ipnotica, sinuosa e sexy ma “senza musica”

Il Bolero, originariamente composto come balletto, è l’opera di maggior successo del compositore, pianista e direttore d’orchestra francese, Maurice Ravel.

Prima di partire per un trionfante tour in Nord America nel gennaio 1928, Maurice Ravel aveva accettato di scrivere una colonna sonora dal sapore spagnolo per la sua amica, la ballerina e attrice russa Ida Rubinstein (1885-1960). Ravel decise di provare qualcosa di nuovo e controverso con questo pezzo: usare una melodia insistente con un ritmo incessante ricorrente. L’idea era quella di creare una trascrizione orchestrale della suite per pianoforte Iberia di Albeniz. Ma al suo ritorno Ravel scoprì che i diritti di orchestrazione erano stati concessi al direttore d’orchestra spagnolo Enrique Arbós. Sebbene Arbós avesse generosamente rinunciato a questi diritti, Ravel aveva abbandonato l’idea e iniziato a preparare una partitura originale.

Ravel aveva a lungo giocato con l’idea di costruire una composizione da un unico tema che sarebbe cresciuto semplicemente attraverso l’ingegnosità armonica e strumentale.

Il famoso tema di Boléro gli era venuto in vacanza a Saint-Jean-de-Luz. Scrivendo a un amico poco dopo aver terminato il lavoro, Ravel lo descrisse come “senza forma nel vero senso della parola, senza sviluppo e quasi nessuna modulazione”. E al compositore svizzero Arthur Honegger confidò:

“Ho scritto un solo capolavoro: Boléro. Purtroppo, non c’è musica”.

Ravel era piuttosto perplesso dal successo di Boléro. Per lui era sperimentale e “un pezzo per orchestra senza musica”.

La prima all’Opéra di Parigi nel 1928 fu sensazionale. Coreografato da Nijinska, una zingara balla su un tavolo circondato da uomini in una locanda in Spagna: un’esperienza teatrale sbalorditiva e seducente. Il “Bolero” del coreografo Maurice Béjart è uno dei suoi balletti più conosciuti e apprezzati. Nel 1979 decise di far ballare a un uomo il personaggio centrale circondato da donne. Esiste una terza versione composta da tutti uomini. Boléro viene spesso eseguito come pezzo orchestrale. Il ritmo ipnotico del rullante di Boléro e l’inesorabile climax non mancano mai di annoiare il pubblico. Nonostante questi dubbi, l’immediato successo di Boléro fu una deliziosa sorpresa per il compositore. Qualche anno dopo, entrando nel casinò di Montecarlo, gli fu chiesto se gli sarebbe piaciuto giocare. Ha rifiutato dicendo: “Ho scritto Boléro e ho vinto – lascio perdere”. Tuttora è considerato un successo e Ravel ne rimarrebbe ancora sorpreso.

L’immagine in cover è stata modificata, l’originale utilizzata si trova qui: commons.wikimedia.org

0 comments on “Il 22 novembre 1928 all’Opera di Parigi debutta “Boléro” di Maurice Ravel una composizione ipnotica, sinuosa e sexy ma “senza musica”Add yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.