Ricordiamo la nascita del grande Pittore e Scultore francese Edgar Degas, la sua composizione innovativa e la sua Analisi Prospettica del Movimento

Ricordiamo la nascita del grande Pittore e Scultore francese Edgar Degas, la sua composizione innovativa e la sua Analisi Prospettica del Movimento

 
L’arte non è ciò che vedi tu,
ma ciò che consenti agli altri di vedere.
Edgar Degas

Ricordiamo la nascita del grande Pittore e Scultore francese Edgar Degas, la sua composizione innovativa e la sua Analisi Prospettica del Movimento

Pur non riconoscendosi in essi, il pittore e scultore francese Edgar Degas è assimilato agli Impressionisti (un pittore che cerca di rappresentare una scena usando tocchi e pennellate di colore), per la sua concentrazione su scene di vita contemporanea e il suo desiderio di catturare il transitorio momento (che dura poco tempo), anche se ha superato altri colleghi in senso compositivo (arrangiamento).

Hilaire German Edgar Degas nasce il 19 luglio 1834 a Parigi, in Francia, figlio di un banchiere benestante. Fin da piccolo Edgar ama i libri, specialmente i classici, ed è uno studente serio al liceo. È molto legato a suo fratello minore, René, di cui in seguito dipingerà ripetutamente la sua immagine. È anche affezionato a sua madre, la cui morte, che sopravviene quando ha tredici anni, gli provoca molto dolore. Suo padre spera che Edgar studi legge, ma questi si iscrive all’École des Beaux-Arts (Scuola di Belle Arti) nel 1855. Degas apprezzerà sempre questa prima formazione classica e avrà una grande e duratura ammirazione per Ingres (1780-1867), pittore dall’orientamento decisamente lineare (caratterizzato da un affidamento su linee e pennellate semplici). Nel 1856 Degas si reca in Italia e si stabilisce a Roma per tre anni. Ammira i capolavori paleocristiani e medievali d’Italia, così come gli affreschi (dipinti eseguiti su intonaco fresco), dipinti su tavola e disegni dei maestri del Rinascimento (un periodo in Italia dal XIV secolo circa fino al XVII secolo che fu segnato da un rinnovato interesse per le arti). Il giovane Degas copia molte di queste opere. A quel tempo questo era un modo comune di studiare l’arte. Tornato a Parigi nel 1861, Degas esegue alcuni dipinti storici (un dipinto che raffigura un evento storico, allora considerato il ramo più alto della pittura). Tra questi c’è la “Figlia di Iefte” (1861), che si basa su un episodio dell’Antico Testamento nella Bibbia. Copia le opere dei vecchi maestri (i famosi pittori del Rinascimento) al Louvre (un famoso museo d’arte a Parigi). La sua reputazione di pittore si era stata stabilita già prima del 1870.

Dal 1862 al 1870 Degas dipinge ritratti dei suoi amici e della sua famiglia. Nel 1870, durante la guerra franco-prussiana (un conflitto tra la Francia e lo stato tedesco della Prussia), presta servizio nell’artiglieria (la parte dell’esercito che si occupa delle armi) della guardia nazionale. Degas smette di esporre al rispettato Salon nel 1874 e mostra invece le sue opere insieme a quelle degli Impressionisti meno affermati fino al 1886. Sebbene fosse associato agli Impressionisti, la sua preoccupazione per il disegno e la composizione non era caratteristica del gruppo. La ritrattistica (la creazione di ritratti) è più importante per Degas che per tutti gli altri Impressionisti. Alcuni dei suoi ritratti sono tra i migliori prodotti nell’arte occidentale dal Rinascimento. Gli esempi includono “La famiglia Belleli” (1859), “Testa di giovane donna” (1867), “Diego Martelli” (1879) ed “Estelle Musson” (1872–73). Nel 1870 Degas attinge i suoi personaggi dalla scena parigina contemporanea, in particolare il balletto, il teatro e l’ippodromo. Di solito, raffigura ballerine alla sprovvista, mostrandole dietro le quinte in un momento imbarazzante mentre si allacciano una scarpetta o si lasciavano cadere, esauste, dopo una difficile sessione di prove. Degas si inserisce facilmente nel movimento impressionista nel produrre arte dell’immediatezza (direttezza) e della spontaneità (essere impreparato o non pianificato). Ma la collocazione di ogni dettaglio è calcolata l’uno rispetto all’altro per stabilire equilibri straordinariamente intelligenti e sottili.

Degas pensa alla figura umana come a un supporto da manipolare per realizzare dipinti più interessanti. Viene ispirato dalle stampe giapponesi per creare pose insolite e tagliare le figure in modi insoliti. In “A Carriage at the Races” (1873), la figura nella carrozza a sinistra è tagliata quasi a metà. Se Degas avesse mostrato più di questa figura, un’ovvia e poco interessante simmetria (disposizione simile su entrambi i lati), sarebbe stata impostata con la carrozza più grande in primo piano a destra. Nel copiare i vecchi maestri, Degas a volte tenta di scoprire le loro tecniche. Ad esempio, quando copia Andrea Mantegna (1431-1506), Degas cercato di copiarne il metodo nel costruire la tela con strati di toni freddi e caldi utilizzando una serie di velature (sottili, lisci, lucidi). Dalla metà degli anni 1870 Degas lavora sempre più con il pastello (pallidi, pastelli chiari). Negli ultimi anni della sua vita, quando la sua vista sta venendo meno, abbandona completamente l’olio a favore del pastello, che maneggia in modo più ampio e con maggiore libertà di prima. Il pastello, per lo più un mezzo settecentesco, aiuta Degas a produrre qualità di ariosità e leggerezza, come nella “Ballerina” e “Dama con ventaglio” (1885). Tuttavia, Degas sperimenta insolite combinazioni di mezzi nella produzione dei suoi colori e stampe. Dopo il 1866 Degas crea statue in bronzo di cavalli e ballerini, alte fino a tre o quattro piedi. Le sue figure di ballerini in bronzo e cera dipinte, come la “Piccola ballerina di quattordici anni” (1880-1881), sono spesso vestite con costumi reali. Degas coglie di nuovo i ballerini mentre stanno per cambiare posizione. Come nei dipinti, Degas spoglia i ballerini del glamour e talvolta li rivela come adolescenti magri. A partire dalla metà degli anni 1870 Degas soffre di problemi alla vista. Dal 1890 in poi, diviene sempre più un recluso (uno che vive in isolamento). Negli ultimi anni della sua vita è quasi totalmente cieco, e vaga senza meta per le strade parigine. Muore il 27 settembre 1917 a Parigi.

Degas era interessato a combinare la disciplina apparente dell’arte classica con l’espressione diretta della vita contemporanea che caratterizzava gli Impressionisti. Tuttavia, non condividendo l’attenzione degli Impressionisti per la luce e il colore, enfatizzò la composizione, la linea e la forma. Edgar Degas è comunque considerato uno dei più grandi artisti francesi, avendo influenzato artisti successivi come Toulouse-Lautrec (1864-1901) e Pablo Picasso (1811-1973).

In cover:  Edgar Degas. L’immagine è stata adattata, l’originale si trova qui: theartmarket.es

0 comments on “Ricordiamo la nascita del grande Pittore e Scultore francese Edgar Degas, la sua composizione innovativa e la sua Analisi Prospettica del MovimentoAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.