Nel Giorno della Memoria L'Olocausto e il modo in cui le persone lo commemorano ricevono un'attenzione speciale su Internet, televisione, radio, stampa..

Ricordare sempre! Per non dimenticare oggi si celebra il cosiddetto “Giorno della Memoria”

 

Ricordare sempre!
Per non dimenticare oggi si celebra il cosiddetto “Giorno della Memoria”

Nel Giorno della Memoria i sopravvissuti dell’Olocausto e vari leader fanno sentire la loro voce durante la Giornata internazionale della commemorazione in memoria delle vittime dell’Olocausto. Molti di loro parlano pubblicamente dell’Olocausto o delle loro esperienze intorno all’evento, delle sue conseguenze e del perché il mondo non dovrebbe mai dimenticare ciò che è accaduto in Europa negli anni Trenta e Quaranta. Molte dichiarazioni sottolineano la necessità per le generazioni future di conoscere e ricordare l’Olocausto e che tutti lavorino per prevenire il genocidio.

Nel Giorno della Memoria l’ONU organizza e sostiene eventi come: concerti di musicisti sopravvissuti all’Olocausto o discendenti dei sopravvissuti; mostre d’arte influenzate dall’Olocausto; presentazioni di francobolli speciali; l’introduzione di programmi educativi speciali; e la proiezione del film e la firma del libro si sono concentrati sull’Olocausto.

Israele e molti paesi in Europa e Nord America celebrano il Giorno della Memoria. Molti accademici presentano documenti di discussione o tengono seminari o tavole rotonde sull’Olocausto e la sua eredità nel mondo moderno. Scuole o college possono anche avere lezioni speciali sull’Olocausto. L’Olocausto e il modo in cui le persone lo commemorano ricevono un’attenzione speciale su Internet, televisione, radio, stampa.

Tuttavia, la Giornata Internazionale della Commemorazione in memoria delle vittime dell’Olocausto è un’osservanza globale e non un giorno festivo. L’Olocausto, o Shoah (Sho’ah, Shoa), è il termine usato per descrivere l’assassinio e la profanazione deliberati di milioni di persone prima e durante la Seconda Guerra Mondiale in Germania e delle aree occupate tedesche in Europa.

Molti di loro erano ebrei ma furono uccisi anche i rom, i civili sovietici e i prigionieri di guerra, i polacchi etnici, le persone con disabilità, gli omosessuali e gli oppositori politici e religiosi.

Molte persone sono morte in campi di concentramento e di morte sparsi in tutta l’Europa occupata dai nazisti. Uno dei campi più famosi era Auschwitz-Birkenau, vicino a Oświęcim, in Polonia. Più di un milione di persone morirono ad Auschwitz-Birkenau prima che le truppe sovietiche la liberassero il 27 gennaio 1945. Il 24 gennaio 2005, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha commemorato il 60° Anniversario della Liberazione dei campi di concentramento nazisti. A seguito di questa sessione, è stata redatta una risoluzione delle Nazioni Unite per designare il 27 gennaio la Giornata internazionale della commemorazione in memoria delle vittime dell’Olocausto. La risoluzione chiedeva programmi educativi sull’Olocausto per aiutare a prevenire il genocidio. Ha anche respinto le smentite sull’Olocausto. Il 1° novembre 2005, l’assemblea ha adottato questa risoluzione in modo che la giornata potesse essere osservata ogni anno. È stato osservato per la prima volta il 27 gennaio 2006.

Molti gruppi ebrei, in particolare in Israele, osservano anche Yom HaShoah, che è un giorno di lutto per le vittime dell’Olocausto il 27° giorno del mese ebraico di Nisan, che cade in aprile o maggio del calendario gregoriano. Il simbolo del “Programma di sensibilizzazione sull’Olocausto e le Nazioni Unite” è costituito da quattro elementi su un sfondo nero piatto. Due elementi sono le parole “Remembrance and Beyond” e il simbolo delle Nazioni Unite, entrambi raffigurati in bianco. Il simbolo delle Nazioni Unite consiste in una proiezione del globo centrato sul Polo Nord circondato da due rami di ulivo. Gli altri due elementi sono un pezzo di filo spinato e due rose bianche. I fili del filo spinato si fondono negli steli delle rose. Il filo spinato rappresenta: i campi di concentramento; la perdita di libertà degli ebrei e di molti altri gruppi prima e durante la Seconda Guerra Mondiale; e il loro dolore e sofferenza. Le rose bianche rappresentano pace, libertà e ricordo. Questi fiori ricordano anche alla gente la Rosa Bianca, un movimento di resistenza non violenta che è stato attivo in Germania dal giugno 1942 al febbraio 1943. Negli Stati Uniti e nel Regno Unito, le rose bianche simboleggiano l’indagine, il ricordo e la prevenzione del genocidio.

Fonte immagine originale elaborata per la cover: qui

0 comments on “Ricordare sempre! Per non dimenticare oggi si celebra il cosiddetto “Giorno della Memoria”Add yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.