"L'arte è la più bella delle bugie." Claude Debussy - Considerato il PADRE dell’Impressionismo Musicale e uno dei massimi protagonisti del Simbolismo Musicale, ricordiamo il compositore francese Claude Debussy

Considerato il PADRE dell’Impressionismo Musicale e uno dei massimi protagonisti del Simbolismo Musicale, ricordiamo il compositore francese Claude Debussy

 
L’arte è la più bella delle bugie.
Claude Debussy

Considerato il PADRE dell’Impressionismo Musicale e uno dei massimi protagonisti del Simbolismo Musicale, ricordiamo il compositore francese Claude Debussy

Uno dei più importanti compositori francesi di tutti i tempi, Claude Debussy, nel suo tempo era notevolmente conosciuto come una delle figure di spicco nel campo della musica impressionista. Infatti, nel 1903 vinse lo status di Cavaliere della Legion d’Onore. Il compositore francese (scrittore e arrangiatore musicale) Claude Debussy sviluppò uno stile fortemente individuale e andò contro i metodi della composizione classica utilizzando arrangiamenti non comuni che creavano un nuovo linguaggio sonoro.

Achille Claude Debussy nasce il 22 agosto 1862 a St-Germain-en-Laye, in Francia. È il maggiore di cinque figli. Suo padre, Manuel-Achille Debussy, gestisce un negozio di porcellane ma fa fatica a sbarcare il lunario. Debussy inizia a prendere lezioni di pianoforte all’età di sette anni ed entra al Conservatorio di Parigi (scuola di belle arti) a Parigi, in Francia, all’età di dieci anni. I suoi istruttori e compagni studenti riconoscono da subito il suo talento, ma pensano che, alcuni dei suoi tentativi di creare nuovi suoni, siano strani. Nel 1880 Nadezhda von Meck, che aveva contribuito a sostenere il compositore russo Peter Ilich Tchaikovsky (1840–1893), assume Debussy per insegnare a suonare il pianoforte ai suoi figli. Il giovane Debussy viaggia in Italia e Austria con lei e la sua famiglia e trascorre parte dei due anni successivi nella sua tenuta in Russia.

Nel 1884 Debussy vince il Prix de Rome, un concorso per compositori, per la sua cantata (una poesia musicata) “Il figliol prodigo”. Mentre è a Roma, in Italia, l’anno successivo, scrive che una delle poche cose che gli avevano fatto dimenticare quanto gli mancasse Parigi era stato lo studio dell’opera del compositore tedesco Richard Wagner (1813–1883) “Tristano und Isotta”. (Debussy torna a Parigi nel 1887.) Non molti anni dopo Debussy criticherà fortemente Wagner, anche se questo aveva più a che fare con il dramma di Wagner che con la sua musica. Sebbene Debussy disprezzi i personaggi del “Parsifal” di Wagner, elogia apertamente la musica. Per tutta la vita Debussy è stato affascinato dalla ricchezza dello stile di Wagner, anche se generalmente preferiva l’opera meno appariscente.

Debussy è anche fortemente influenzato dal gamelan giavanese, che vede esibirsi all’Esposizione Universale di Parigi del 1889. Questa orchestra, con la sua varietà di campane, gong e xilofoni (strumenti costituiti da una serie di barre di legno che suonano note diverse quando colpito con due piccoli martelli), produce una serie di effetti morbidi e ritmi che Debussy ama. Gli anni tra il 1890 e il 1900 mettono in gioco gli elementi del gamelan con altri già presenti nello stile di Debussy e producono un nuovo tipo di suono. Il completamento di questo processo intorno al 1900 può servire da linea di divisione dei capolavori degli anni precedenti: “Ariettes oubliées” (1888), “Prélude à l’après-midi d’un faune” (1892; Pomeriggio di un fauno) e il quartetto d’archi (1893), da quelli composti durante il periodo maturo del compositore.

Il primo pezzo su larga scala di Debussy del suo periodo maturo, i “Notturni per orchestra” (1893–99), viene prodotto mentre sta lavorando alla sua unica opera completata, “Pelléas et Mélisande” (1894–1902), basata su un’opera teatrale di Maurice Maeterlinck (1862–1949). La pubblicità che circonda la prima rappresentazione di Pelléas nel 1902 rende Debussy la figura musicale più controversa in Francia; la gente o ama la sua musica o la odia. Pellea è l’opera chiave della vita creativa di Debussy; le parole e le azioni dell’opera passano come in un sogno, ma il sogno è pieno di un forte sentimento di terrore. Debussy si aggiunge a questa sensazione con una musica in gran parte tranquilla, con esplosioni che rivelano il terrore sottostante.

Nel 1904 Debussy lascia la moglie, Rosalie Texier, per vivere con Emma Bardac, una donna con una discreta quantità di denaro che alla fine sposerà. Debussy diventerà più produttivo dopo che non si sarà più dovuto preoccupare di come guadagnare soldi. In questi anni scrive alcune delle sue opere più durature: “La Mer” (1905) e “Ibéria” (1908), entrambe per orchestra; “Images” (1905), “Children’s Corner Suite” (1908) e due libri di “Préludes” (1910–12), tutto per solo pianoforte.

I brani di Debussy degli anni successivi mostrano alcuni cambiamenti di stile. Hanno un fascino meno immediato e sono più difficili da avvicinare. L’emergere di altri compositori anche più giovani, come ad esempio Igor Stravinsky (1882–1971), porta anche a un calo di interesse per le sue opere. Quando Debussy compone “En blanc et noir” (1915) e gli “Studi” (1915), opere in cui utilizza elementi simili a Stravinsky, soffre già di un cancro terminale. Arriva a completare solo tre di un gruppo pianificato di sei brani “per vari strumenti” (1915-1917) prima di morire a Parigi il 25 marzo 1918.

In cover: Claude Debussy. L’immagine è stata adattata, l’originale si trova qui: commons.wikimedia.org

0 comments on “Considerato il PADRE dell’Impressionismo Musicale e uno dei massimi protagonisti del Simbolismo Musicale, ricordiamo il compositore francese Claude DebussyAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.