In questi giorni ricorre l’anniversario della nascita del più grande compositore di ogni tempo e luogo: Ludwig Van Beethoven

Ludwig Van Beethoven, il più grande compositore di ogni tempo e luogo

 

Dove le parole non arrivano…
la musica parla

Ludwig van Beethoven

In questi giorni ricorre l’anniversario della nascita del più grande compositore di ogni tempo e luogo: Ludwig Van Beethoven

Ludwig van Beethoven nasce a Bonn, in Germania il 16 dicembre 1770. Cresciuto in una famiglia musicale, anche se disfunzionale, il suo talento viene riconosciuto all’età di 20 anni e così nel 1792 viene mandato a studiare con Joseph Haydn a Vienna. Il giovane Beethoven è stato un grande compositore di successo a Vienna, riuscendo a guadagnarsi da vivere grazie ai concerti, alle commissioni e ai punteggi pubblicati. Tuttavia, nel 1798 lui stesso comincia a notare che il suo udito stava diventando compromesso. Era ancora in grado di comporre – poteva sentire ogni nota e accordo che scriveva nell’orecchio della sua mente – ma esibirsi, e peggio socializzare, divenne rapidamente un’attività fuori questione. Quando la sua sordità peggiorò, si esibì sempre meno, e la sua ultima apparizione pubblica risale al 1814.

Uno dei più significativi e influenti compositori della tradizione musicale occidentale

Beethoven (1770-1827) è uno dei più significativi e influenti compositori della tradizione musicale occidentale. Un personaggio irridente, in tutti i sensi. Ha supervisionato la transizione della musica dallo stile classico, pieno di equilibrio, allo stile romantico, caratterizzato da emozione e impatto. Compositore prolifico che scrisse per ricchi mecenati e guadagnò anche denaro da concerti pubblici, scrisse nove sinfonie, 32 sonate per pianoforte, un’opera, cinque concerti per pianoforte e molte opere da camera, inclusi alcuni solidi quartetti d’archi. Non si è mai sposato. Pareva essere un uomo difficile e non socievole, che si sentiva isolato dalla sordità che si era sviluppata nei suoi anni ’20. Ha goduto di grande successo e riconoscimento durante la sua vita. Si dice che alla premiere della sua nona sinfonia, non riuscì a sentire gli applausi fragorosi alla fine, e dovette essere girato per vedere la reazione del pubblico.

Le opere

Praticamente tutte le sue opere principali sono brani di repertorio standard, familiari a musicisti e ascoltatori in tutto il mondo commerciale. In poche parole, forza della personalità musicale: ha costantemente spinto la musica in nuove aree. Le sue sinfonie erano più forti, più lunghe e più eccitanti di qualsiasi altra scritta fino a quel momento, e lo stesso sentimento di esplorazione e vita al limite si manifesta anche attraverso le sue altre opere. Gran parte della sua musica ha goduto di grande popolarità – la sua prima Sonata al chiaro di luna, ad esempio, è stata un successo in termini di vendite di spartiti musicali, ma i suoi lavori più esplorativi potrebbero confondere musicisti e pubblico allo stesso modo, come i suoi ultimi quartetti d’archi, scritti negli ultimi anni di profonda sordità.

Beethoven nella sua vita ha scritto 138 opere con un numero di opus e altre 200 che non sono mai state assegnate.

In cover: Ludwig van Beethoven. Foto originale qui

0 comments on “Ludwig Van Beethoven, il più grande compositore di ogni tempo e luogoAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.