"Nel rapporto madre-bambino, la madre rappresenta il fattore ambientale o, se si preferisce, si può dire che la madre rappresenta l’ambiente." René Spitz Oggi nasceva lo psicoanalista austriaco naturalizzato statunitense noto per le sue ricerche sui Bisogni di Affetto dei bambini molto piccoli

Oggi nasceva René SPITZ, psicoanalista austriaco naturalizzato statunitense, noto per le sue ricerche sui Bisogni di Affetto dei bambini molto piccoli

Spitz è stato il primo ad essersi concentrato sulla questione del rapporto tra madri e figli durante l’infanzia valutando l’esistenza di alterazioni psichiatriche di tipo psichiatrico nei bambini…
 

Nel rapporto madre-bambino,
la madre rappresenta il fattore ambientale o, se si preferisce,
si può dire che la madre rappresenta l’ambiente.
René Spitz

René Spitz in quanto medico e psicoanalista americano è famoso in tutto il mondo per il suo lavoro sull’ospedalismo e per la sua psicologia chiamata “genetica”. Spitz è infatti stato il primo ad essersi concentrato sulla questione del rapporto tra madri e figli durante l’infanzia valutando l’esistenza di alterazioni psichiatriche di tipo psichiatrico nei bambini.

René Árpád Spitz nasce a Vienna il 29 gennaio 1887 e proviene da una ricca famiglia ebrea ungherese. Il piccolo Spitz trascorre la sua infanzia a Budapest, dove studia medicina. Sandor Ferenczi lo invia a svolgere un’analisi didattica con Sigmund Freud nel 1911. Contemporaneo di quest’ultimo, Sitz aderisce alla psicoanalisi. Dal 1926 partecipa ai lavori della Wiener Psychoanalytische Vereinigung (WPV), e nel 1930 diviene membro della Deutsche Psychoanalytische Gesellschaft (DPG). Dopo essere fuggito dalla Germania, a seguito dell’ascesa dei nazisti al potere, e aver risieduto a Parigi dove insegna psicoanalisi, emigra negli Stati Uniti nel 1938. Si stabilisce dapprima a New York e successivamente a Denver, Colorado, dove sviluppa le sue ricerche seguendo i principi della medicina preventiva ispirati alle opere di Anna Freud e Maria Montessori. In quegli anni si dedica alla psicologia dello sviluppo, svolgendo meticolose ricerche e sviluppando  riflessioni circa l’evoluzione nei bambini normali ed in quelli con patologie. È professore all’Università del Colorado e lavora negli orfanotrofi e negli ospedali. Si oppone alla tesi di Otto Rank sul trauma della nascita, nonché all’idea kleiniana della posizione depressiva, per privilegiare lo studio della depressione anaclitica, dello svezzamento e della formazione dell’Io. Da questa prospettiva integrativa della psicoanalisi alla psicologia genetica, si interessa alle prime relazioni oggettuali, alle fasi, alle carenze emotive ed ai disturbi del linguaggio legati al ricovero dei bambini piccoli nelle istituzioni ospedaliere. Spitz intende dimostrare come ogni epoca porti con sé una strutturazione specifica che risulta dalle fasi precedenti e le succede. Dal 1945 diviene uno dei principali redattori della rivista The Psychoanalytic Study of the Child, fondata da Anna Freud, Ernst Kris e Heinz Hartmann, sotto l’influenza della psicologia dell’Io. Spitz raccoglie numerosi documenti cinematografici sui comportamenti della prima infanzia, tiene conferenze in numerosi paesi e forma studenti e collaboratori nel contesto della Denver Psychoanalytic Society (DPS), di cui è presidente nel biennio 1962-1963. René Spitz muore a Denver, Colorado, nel 1974.

I lavori di Spitz, basati su osservazioni dirette, si concentravano sul rapporto tra madre e figlio durante i primi due anni di vita. Ha indagato e lottato per rivalutare questo legame primario. Riconobbe le conseguenze, per lo sviluppo psichico e somatico, delle carenze emotive avvenute in quel periodo e, in particolare, sviluppò le nozioni di “ospedalismo” e di “depressione anaclitica”. Sviluppò conoscenze basate sull’osservazione e la valutazione dei neonati, le transizioni evolutive, processi di comunicazione affettiva e loro valorizzazione significato sociale. Diede un grande contribuito alla comprensione ed alla complessità dello sviluppo umano. Tra le sue opere da ricordare, “Il no e il si” (1957), “Il primo anno di vita del bambino” (1958).

In cover: René Spitz.
L’immagine è stata adattata, l’originale si trova qui

0 comments on “Oggi nasceva René SPITZ, psicoanalista austriaco naturalizzato statunitense, noto per le sue ricerche sui Bisogni di Affetto dei bambini molto piccoliAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.