Thomas Jefferson, terzo presidente degli Stati Uniti, risponde alla Lettera di Bejamin Banneker, matematico, astronomo, sulla questione della Schiavitù

Thomas Jefferson, terzo presidente degli Stati Uniti, risponde alla Lettera di Bejamin Banneker, matematico, astronomo, sulla questione della Schiavitù

 

Thomas Jefferson, terzo presidente degli Stati Uniti, risponde alla Lettera di Bejamin Banneker, matematico, astronomo, sulla questione della Schiavitù

Quando la “Carta dei Diritti” fu adottata nel 1791, le libertà che forniva furono negate alle centinaia di migliaia di africani che vivevano in schiavitù negli Stati Uniti. Quello stesso anno, un afroamericano libero, Benjamin Banneker, sfidò il modo in cui i neri erano visti e trattati dai bianchi, attraverso una lettera pubblica a Thomas Jefferson. In questa lettera, Banneker sottolineava le contraddizioni tra i principi enunciati nella “Dichiarazione di Indipendenza” e nella “Carta dei Diritti”, come la continua esistenza della schiavitù.

Con parole cortesi ma energiche, Banneker fece appello a uno dei grandi principi dell’Illuminismo di Jefferson, un ideale che legava intimamente la libertà politica e la fede religiosa in una democrazia, l’idea che Dio crei tutti gli uomini uguali:

Quell’unico Padre universale ha dato l’essere a tutti noi; e che non solo ci ha fatti tutti di una sola carne, ma che ci ha anche, senza parzialità, dato a tutti noi le stesse sensazioni e ci ha dotato tutti delle stesse facoltà; e che per quanto variabili possiamo essere nella società o nella religione, per quanto diversificati nella situazione o nel colore, siamo tutti della stessa famiglia e abbiamo lo stesso rapporto con lui.

Banneker era un abile geometra che aveva acquisito un’istruzione e una professione lavorando con un’importante famiglia quacchera del Maryland, gli Ellicott. Considerato il primo scienziato e ingegnere civile afroamericano d’America, Benjamin Banneker era nato come persona libera il 9 novembre 1731, una rarità in un periodo in cui quasi 700.000 dei 750.000 neri stimati nel paese erano ridotti in schiavitù. Filosofo naturale, Banneker divenne matematico e astronomo dilettante, aiutò a perlustrare la nuova capitale, il Distretto di Columbia, e pubblicò almanacchi molto letti. Tuttavia, la sua azione più audace fu quella di sfidare pubblicamente Thomas Jefferson sulla questione della schiavitù e del razzismo.

Nel 1791, Jefferson era già stato autore della “Dichiarazione di Indipendenza”, era stato Governatore della Virginia (1779-1781) e serviva come primo Segretario di Stato degli Stati Uniti (1789-1793). Le contraddizioni di tutta la vita, tra le convinzioni dichiarate di Jefferson, furono: la politica e la pratica su questioni di razza e schiavitù che, malgrado fossero così complicate, erano state trattate in numerosi libri. All’inizio della carriera politica di Jefferson, questi fece alcuni tentativi per porre fine gradualmente alla schiavitù negli Stati Uniti. Nel 1778 elaborò una legge in Virginia che vietava la futura importazione di schiavi africani e nel 1784 propose una legge che vietasse la schiavitù nei territori in crescita del nord-ovest. Sperava che questi limiti avrebbero contribuito a eliminare gradualmente l’economia degli schiavi.

Ecco la risposta che Jefferson dette a Banneker:

A Benjamin Banneker Filadelfia 30 agosto 1791.

Signore Vi ringrazio sinceramente per la vostra lettera del 19 agosto e per l’Almanacco che conteneva. Nessuno più di me desidera vedere le prove che mostri, che la natura ha dato ai nostri fratelli neri talenti uguali a quelli degli altri colori degli uomini, e che l’apparenza di una loro mancanza è dovuta semplicemente alla condizione degradata della loro esistenza sia in Africa che in America. Posso aggiungere con verità che nessun corpo desidera più ardentemente vedere iniziato un buon sistema per elevare la condizione sia del proprio corpo che della propria mente a ciò che dovrebbe essere, veloce come l’imbecillità della loro esistenza presente, e altre circostanze che non possono essere trascurate, ammetterò. Mi sono preso la libertà di inviare il tuo almanacco a Monsieur de Condorcet, segretario dell’Accademia delle scienze a Parigi e membro della società filantropica perché lo consideravo un documento al quale tutto il tuo colore aveva diritto di giustificarsi contro i dubbi che sono stati nutriti. Lo sono con grande stima, signor vostro obbediente, umilissimo servitore. Ter: Jefferson

Ma nonostante i suoi dubbi sulla tratta degli schiavi, Jefferson continuò a credere nella superiorità morale e sociale dei bianchi sui neri. In effetti, possedeva e vendeva personalmente oltre 700 schiavi. E le prove suggeriscono che Jefferson ha avuto una relazione decennale con uno dei suoi schiavi, Sally Hemings, e ha generato sei figli da lei.

Nel frattempo, nelle sue famose “Note sullo stato della Virginia” (1781), Jefferson condannò la schiavitù stessa, ma ribadì l’idea dell’inferiorità fisica e intellettuale dei neri rispetto ai bianchi. D’altra parte, nella “Dichiarazione d’indipendenza” degli Stati Uniti aveva scritto: “all men are created equal!”.

L’immagine in cover è stata adattata, l’originale utilizzata si trova qui: www.biography.com

0 comments on “Thomas Jefferson, terzo presidente degli Stati Uniti, risponde alla Lettera di Bejamin Banneker, matematico, astronomo, sulla questione della SchiavitùAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.