Teologo, astrologo, poeta e frate domenicano Nasceva OGGI Tommaso CAMPANELLA, uno dei più Importanti Filosofi del tardo Rinascimento

Teologo, astrologo, poeta e frate domenicano Nasceva OGGI Tommaso CAMPANELLA, uno dei più Importanti Filosofi del tardo Rinascimento

 
Signoreggia per natura chi precede di virtù; serve per natura chi manca di virtù; dove si fa il contrario è dominio violento. Tommaso Campanella

Teologo, astrologo, poeta e frate domenicano Nasceva OGGI Tommaso CAMPANELLA, uno dei più Importanti Filosofi del tardo Rinascimento

Tommaso Campanella fu pensatore universale, poiché fu filosofo, teologo, teorico politico, educatore, utopista, astrologo e poeta. Ancora più importante e significativo, nella storia delle idee, Campanella è ritenuto tra quelli che hanno guidato il movimento da una visione del mondo medievale a una moderna, più scientifica. Frate domenicano ed eretico relapso, è tuttora considerato una delle personalità più brillanti e controverse del Seicento italiano ed europeo il cui pensiero, estremamente complesso, si impegnò in tutti i campi dell’apprendimento.

Figlio di un calzolaio analfabeta dell’Italia meridionale, Giovanni Domenico Campanella, meglio noto, come Tommaso Campanella, nasce il 5 settembre 1568 a Stignano (nella contea di Stilo) in provincia di Reggio Calabria, in Calabria. Il giovane pensatore entra nell’Ordine domenicano prima dei quattordici anni, unendosi all’Ordine dei Predicatori, e assumendo il nome di “fra’ Tommaso” in onore di Tommaso d’Aquino. Bambino prodigio, grande studioso, dotato di una memoria straordinaria, studia teologia e filosofia con diversi maestri. Come frate domenicano, Tommaso Campanella si forma nella tradizione aristotelica. Il domenicano san Tommaso d’Aquino si era servito di Aristotele per la sua difesa della fede cristiana, una difesa basata sulla riconciliazione tra ragione e fede. Il giovane Campanella è tuttavia influenzato da altre letture, in particolare da quelle del filosofo naturalista Bernardino Telesio, il quale insegnava che la conoscenza è sensazione e che tutte le cose in natura possiedono sensazione. Campanella rifiuta l’aristotelismo in quanto astratto e pagano. Il filosofo sostiene una spiegazione più concreta del mondo, sebbene non rifiuterà mai la ragione né la sua fede cattolica vacillerà. Nonostante ciò, Campanella vuole proporre un altro tipo di difesa di quella fede che, sfortunatamente, la Chiesa del giorno non è disposta ad accettare.

Il frate domenicano scrive la sua prima opera, “Philosophia sensibus demonstrata” (“Filosofia dimostrata dai sensi”), pubblicata nel 1592, in difesa di Telesio. Nel 1590 si trova a Napoli dove viene iniziato all’astrologia; le speculazioni astrologiche diventeranno una caratteristica costante nei suoi scritti. Le opinioni eterodosse di Campanella, in particolare la sua opposizione all’autorità di Aristotele, lo portano in conflitto con le autorità ecclesiastiche. Denunciato all’Inquisizione, viene arrestato a Padova nel 1594 e citato davanti al Sant’Uffizio a Roma, poi confinato in convento fino al 1597. Dopo la sua liberazione, Campanella torna in Calabria, dove è accusato di aver condotto una cospirazione contro il dominio spagnolo nella sua città natale di Stilo.

Mentre è in cattività, scrive molte opere che formano la sua progettata enciclopedia della conoscenza e mantiene la corrispondenza con figure intellettuali, religiose e politiche del suo tempo. I suoi primi scritti e la sua stessa forza ostinata lo avrebbero portato a essere gettato in prigione, torturato orribilmente e processato per idee religiose eretiche così come per cospirazione contro i governanti spagnoli dell’Italia meridionale. Trascorre gran parte della sua vita (quasi ventisette anni, dal 1599 al 1626) nelle carceri di Napoli e Roma, scrivendo quasi sempre, anche in isolamento. Queste opere carcerarie includono “Un discorso che tocca la monarchia spagnola”, scritto forse già nel 1598 e, paradossalmente, una sorta di difesa del potere spagnolo; “La Città del Sole”, scritta nel 1602; e “Una difesa di Galileo”, scritta nel 1616, un trattato che si aggiunge ai suoi guai. Grazie al contatto con gli amici tedeschi che lo avevano visitato in carcere, molte sue opere vengono state pubblicate in Germania.

Nel 1626 Campanella viene scarcerato; accusato ancora una volta di eresia, è però nuovamente incarcerato e solo nel 1629 finalmente liberato. Dopo la sua liberazione nel 1629, Campanella conosce il circolo intellettuale francese a Roma. Per un breve periodo è favorevole a papa Urbano VIII. Tuttavia, sospettato di un’ulteriore congiura, fugge da Roma e si reca in Francia, dove è accolto con favore. Fugge a Parigi nel 1634, dove vive gli ultimi anni della sua vita sotto la protezione di Luigi XIII e del cardinale Richelieu, curando la pubblicazione delle sue opere e mantenendo un’intensa corrispondenza all’interno e all’esterno della Francia. Campanella è infatti l’astrologo chiamato a redigere il tema della natività del futuro Luigi XIV, ‘il Re Sole’, che nascerà settant’anni dopo di lui. Tommaso Campanella muore il 21 maggio 1639.

Come filosofo-teologo, Campanella sostenne che le cose di questo mondo mostrano le cose di Dio, per cui l’umanità può arrivare alla conoscenza dell’esistenza di Dio studiando le realtà del mondo. In breve, credeva in una specie di metodo scientifico. Eppure, Campanella non era lui stesso uno scienziato pratico e alcune delle sue idee sul mondo non erano né moderne né oggettive. Ad esempio, non ha mai accettato del tutto l’idea che il sole fosse il centro dell’universo (locale), anche se conosceva le argomentazioni di Nicolas Copernico. Credeva fortemente anche nell’astrologia come scienza. Campanella difese la libertà intellettuale di Galileo mentre scriveva una serie di appassionate lettere a papi, cardinali e governanti chiedendo la propria libertà e la licenza di pubblicare i suoi libri. Fu così amico e difensore di Galileo (“Apologia pro Galileo”, 1622), poiché Galileo stava esaminando il mondo reale. Sebbene sia noto oggi soprattutto per la sua utopia, “La città del sole” (1602; pubblicato nel 1623 e nel 1637), l’accoglienza mista di Campanella durante il XVII e il XVIII secolo è il risultato in parte della sua intrigante storia di vita, ma principalmente delle sue opere sulla filosofia naturale, medicina, senso e magia, nonché dai suoi scritti politici (in particolare quelli riguardanti la monarchia spagnola). Attraverso i suoi scritti ha esposto i suoi progetti per una riforma generale del sapere e della società volta a realizzare l’unità politica e religiosa.

Attingendo alla propria esperienza e alla sua ferma critica ai seguaci di Machiavelli, il frate filosofo scrisse della persecuzione perenne di profeti e filosofi per mano di politici e cortigiani. Massimo filosofo della prima età moderna, Campanella fu uno scrittore prolifico, avendo prodotto almeno un centinaio di opere sia in latino che in italiano. La sua vita e la sua scrittura erano indissolubilmente legate. I suoi scritti non solo esprimevano i suoi pensieri, ma soprattutto erano in grado di provocare anche i terribili eventi della sua vita.

In cover: Tommaso Campanella. L’immagine è stata adattata, l’originale si trova qui: commons.wikimedia.org

0 comments on “Teologo, astrologo, poeta e frate domenicano Nasceva OGGI Tommaso CAMPANELLA, uno dei più Importanti Filosofi del tardo RinascimentoAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.