Cervello, Arte e Comunicazione fra Neuroestetica ed Esperienza Emozionale - 1° maggio 2019 - Fortezza da basso - Firenze

Cervello, Arte e Comunicazione fra Neuroestetica ed Esperienza Emozionale

Condividi
Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterPin on Pinterest
 


Cervello, Arte e Comunicazione fra Neuroestetica ed Esperienza Emozionale
Conferenza

Data: 1 maggio 2019
Orario di apertura: 11:00
Luogo: Padiglione Rastriglia – FORTEZZA DA BASSO – FIRENZE
Organizzato da
Firenze Fiera S.p.A. – www.firenzefiera.it
Conferenza a cura di: Carmen Cini (Neureka) e Cristian Ducceschi (Strategic Marketing Consultant)
Info: Neureka – Tel 055 7476189; email info@neureka.itmostrartigianato.it
conferenza ad ingresso libero fino ad esaurimento posti

“Se le cellule cerebrali non reagissero agli stimoli,
l’arte non esisterebbe.
L’arte, dopotutto, deve obbedire alle leggi del cervello.”

Semir Zeki, 2007.

La fruizione di un’opera d’arte, come di una qualsiasi forma estetica, implica meccanismi biologici che stanno alla base della percezione visiva.
La visione è dunque la via d’accesso all’esperienza emozionale che coinvolge i nostri processi fisiologici mentre apprezziamo il “bello”.
Noi pensiamo di vedere con gli occhi quando è invece il nostro cervello che ci consente di emozionarci di fronte al “capolavoro”.


Aggiornamento:

Neureka ringrazia tutti gli intervenuti alla conferenza “Cervello, Arte e Comunicazione fra NeuroEstetica ed Esperienza Emozionale” tenuta da Carmen Cini (Responsabile Scientifico Neureka) e Cristian Ducceschi (Strategic Marketing Consultant) e svoltasi il 1 maggio presso il padiglione Rastriglia – MIDA 2019 nel contesto della 83° Mostra dell’Artigianato (Firenze)

ALCUNE FOTO REALIZZATE DURANTE L’EVENTO

Condividi
Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterPin on Pinterest

0 comments on “Cervello, Arte e Comunicazione fra Neuroestetica ed Esperienza EmozionaleAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *