In questi giorni del 1954 si svolgeva uno dei più risonanti processi del XX secolo che ispirò una pièce teatrale: il caso di J.R. Oppenheimer

In questi giorni del 1954 si svolgeva uno dei più risonanti processi del XX secolo che ispirò una pièce teatrale: il caso di J.R. Oppenheimer

 

In questi giorni del 1954 si svolgeva uno dei più risonanti processi del XX secolo che ispirò una pièce teatrale: il caso di J.R. Oppenheimer

Dopo la Seconda Guerra Mondiale il fisico statunitense, Julius Robert Oppenheimer, diviene consigliere della Commissione per l’energia atomica, facendo pressioni per il controllo internazionale delle armi. A partire dal 1947, Oppenheimer dirige l’Institute for Advanced Study di Princeton, nel New Jersey, dove convoca grandi scienziati: “Ciò che non capiamo, ci spieghiamo l’un l’altro“.

Persino gli individui che avevano dimostrato la loro lealtà nello sforzo bellico sono sospettati. Oppenheimer, il padre della stessa bomba atomica, viene così coinvolto nell’isteria della prima guerra fredda USA-URSS. Prima di accettare una posizione come capo amministratore scientifico del Progetto Manhattan, Oppenheimer aveva sostenuto il partito comunista negli Stati Uniti, sebbene non fosse mai diventato un membro ufficiale. Nonostante avesse interrotto le sue associazioni politiche, in quel periodo viene messo sotto sorveglianza dirigendo il Progetto Manhattan e prestando servizio come presidente del Comitato consultivo generale della Commissione per l’Energia Atomica degli Stati Uniti. E nonostante il suo sostegno alla causa americana durante la Seconda Guerra Mondiale, le sue tendenze politiche di sinistra non erano mai state dimenticate dai suoi superiori. Oppenheimer viene infine chiamato a testimoniare davanti al Comitato delle attività non americane della Camera. Lì, ammette i suoi precedenti legami con il partito comunista, ma nega il coinvolgimento in attività di spionaggio e rifiuta di nominare i membri comunisti.

Solo diversi anni dopo Oppenheimer fu attaccato con successo da funzionari anticomunisti. Nel 1954 la sua autorizzazione di sicurezza Top Secret viene sospesa dall’AEC su raccomandazione di Lewis Strauss e Edward Teller. Sotto la pressione di rassegnare le dimissioni, Oppenheimer chiede un’audizione in cui vuole chiedere il ripristino della sua autorizzazione che gli aveva privato del potere politico. L’audizione ha inizio il 12 aprile 1954 e comprende la testimonianza delle sue affiliazioni politiche, il contatto con una spia sovietica durante il suo periodo sul Progetto Manhattan e le sue relazioni personali con i membri del partito comunista. Le vecchie simpatie comuniste di Oppenheimer vengono così recuperate. Oppenheimer si era fatto nemici politici opponendosi allo sviluppo della bomba all’idrogeno. La comunità scientifica è indignata per il trattamento di Oppenheimer e insulta Edward Teller, che ha reso testimonianza contro di lui in udienza. Il nulla osta di sicurezza Oppenheimer è revocato nel 1954 solo 32 ore prima della scadenza in un’audizione durante il Second Red Scare. Quindi alla fine, l’autorizzazione di Oppenheimer viene revocata e Oppenheimer lascia l’AEC. Dopo la caduta dell’Unione Sovietica, vengono alla luce documenti del KGB che dimostrano che Oppenheimer non aveva mai lavorato come spia sovietica nonostante le richieste di farlo. Ma è solo alla fine degli anni ’50 che il Red Scare inizia a calmarsi. Insieme ad Albert Einstein, Bertrand Russell e Joseph Rotblat Oppenheimer fonda l’Accademia mondiale di arte e scienza nel 1960. Continua a tenere conferenze in tutto il mondo e gli viene conferito il premio Enrico Fermi nel 1963. Muore di cancro alla gola nel 1967.

Durante quel periodo, diversi politici tra cui John F. Kennedy, Richard Nixon e, soprattutto, il senatore Joseph McCarthy furono indicati per le loro attività anticomuniste. All’epoca risultava difficile per gli agenti di sicurezza americani discernere la portata e l’impatto dello spionaggio sovietico. Tuttavia, il progresso nucleare sovietico parlava da solo. Nonostante una serie di arresti e forti reazioni sociali e politiche contro cittadini americani apertamente di sinistra, l’Unione Sovietica aveva condotto il suo primo test di bomba atomica nel 1949 e aveva costruito un impressionante arsenale entro la metà degli anni ’50, facendo così anni prima ciò che gli esperti americani avrebbero voluto anticipare.

0 comments on “In questi giorni del 1954 si svolgeva uno dei più risonanti processi del XX secolo che ispirò una pièce teatrale: il caso di J.R. OppenheimerAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.